Stabilimenti balneari: Fiba chiede misure uniformi e chiare per le spiagge

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
In questo periodo di forte incertezza sanitaria ed economica, a causa delle note vicende sanitarie, non mancano ipotesi di gestioni a carattere locale delle emergenze a valere sulle diverse tipologie commerciali ed economiche ed in particolare per la regolamentazione del corretto utilizzo delle spiagge.

Proprio per questo FIBA Confesercenti Campania chiede alla Regione Campania, sulla scorta di una rapida interlocuzione nazionale, le linee guida generali ed i punti fondamentali del piano post emergenza per la ripartenza a valere sul comparto turistico e turistico balneare.

Recentemente, dichiara il Presidente Regionale di FIBA Campania Raffaele Esposito, abbiamo immaginato, durante la prima fase di ascolto promossa dalla regione Campania una data ipotetica ovvero quella del 4 Maggio, proprio in queste ore ribadita dal premier Giuseppe Conte nella sua relazione al Senato, per favorire insieme la ripartenza di tutti i settori ed è quindi giusto aspettare le linee guida a valere su tutti i territori e non affrettarsi con fughe in avanti isolate che vanno soltanto a destabilizzare e pregiudicare il lavoro di prospettiva di tanti imprenditori e della relativa utenza.

Continuiamo a fare la nostra parte con senso di responsabilità, prosegue il presidente Esposito e ci appelliamo al buon senso di tutti nel rispetto di quello che le associazioni di categoria, che rappresentano la voce vera delle imprese, hanno richiesto alle istituzioni, idee singole non concertate e non condivise in questa fase possono soltanto aggiungere confusione ed incertezza ad operatori ed eventuali ospiti che forse iniziano ad immaginare timidamente la propria destinazione turistica regionale, e proprio per questo a livello nazionale e regionale ci  attendiamo  rapide risposte in linea con le tempistiche concordate.

Il nostro appello, conclude il Presidente Esposito, è volto alla chiarezza, le nostre imprese, i nostri imprenditori con scelte ponderate e difficili, perché si avverte il peso della responsabilità sociale, stanno purtroppo valutando anche la possibilità di restare chiusi poiché non percepiscono  in questa babele di proposte che circolano sul web, una regia istituzionale ben definita a partire da quella nazionale che dovrà assicurare a quella a noi più vicina ovvero quella regionale, le linee guida e le proposte che non devono essere fuori dalla realtà ma in linea con gli aspetti territoriali, economici e di sostenibilità, delle comunità turistiche coinvolte. Le iniziative fin qui avanzate singolarmente invece non fanno altro che alimentare il triste orientamento ad una chiusura  ragionata e volontaria.

Siamo convinti che la vera azione di chiarezza e uniformità verticistica regionale, da pervenire entro la data stabilita, possa finalmente sciogliere i dubbi delle imprese e contribuire salvare parte  di questa prossima stagione turistica.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. 1) chiusi bar e ristoranti sui lidi garantendo acqua potabile con, vere, fontanine gratis. Al massimo mettere chioschi aperti direttamente in spiaggia fermo restando le, vere, fontanine;
    2) chiuse piscine;
    3) eliminazione cabine, nella maggior parte dei casi fatiscenti, magari per sempre, per lasciare più spazio agli ombrelloni ed alla spiaggia (solo spogliatoi),
    4) un ombrellone a nucleo familiare (e non a 12/15 persone) LASCIANDO INALTERATI i prezzi;
    visto che vi trovate chiedete:
    – di aumentare il costo delle irrisorie concessioni demaniali per spiaggia e strutture fisse (SENZA AUMENTARE I PREZZI);
    – abolizione delle proroghe delle concessioni;
    – vista la necessità delle spiagge, anche la detraibilità fiscale dei costi degli abbonamenti / ingressi ……………..
    non è detto che si deve per forza guadagnare centinaia di migliaia di euro l’anno usufruendo di pregresse ingiustificate agevolazioni sfruttando il bene comune, IL MARE!
    queste solo alcune delle proposte (che naturalmente non proporrete mai in quanto contro i vostri interessi economici) da proporre alla regione e al ministero

  2. E quindi se non hai i soldi per pagare L ombrellone devi restare a casa.
    Quindi ricapitoliamo.
    Secondo voi io che abito a 20 metri dal mare, dopo due mesi a casa, non faccio una corsa e mi butto a cufaniello?
    Ma fate i seri.
    A mare o tutti o nessuno

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.