Flash mob e chiavi dei locali al Comune: Salerno contesta l’ordinanza regionale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
La stragrande maggioranza degli esercenti di Salerno è rimasta delusa dall’ultima ordinanza regionale del governatore della Campania Vincenzo De Luca, che ha dato il via libera alle consegne a domicilio per i cibi da sporto, a partire dal prossimo 27 aprile. Il giorno successivo – come scrive il quotidiano “Le Cronache” – alle ore 21 si terrà una sorta di flash mob: luci delle insegne accese e un tavolo apparecchiato, mentre il 29 aprile ci sarà la simbolica consegna al Comune delle chiavi dell’attività commerciale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Una pizzeria che deve chiudere alle 22 è assurdo. Dopo quest’ora cosa succede? Aumenta la possibilità di infettarsi? De Luca, ancora una volta, ha fatto capire che comanda lui e se ne frega dei posti di lavoro.

  2. Si tratta di un flash mob NAZIONALE non regionale, ma il solito Tommasino non capisce mai un tubo come tutti i fascio-socialisti come lui

  3. Mi dispiace per i ristoratori e per gli altri esercenti ma, ammesso che si possa aprire liberamente, quante persone e per quanto tempo credete che abbiano il coraggio, la testa, la voglia di entrare in un locale e gustarsi una pizza? Purtroppo, il problema è molto più complesso rispetto alle sterili polemiche con il governatore della regione. E pensare che a me di De Luca non me ne importa niente, anzi credo fermamente che dia un nemico della città di Salerno, assolutamente.

  4. Fuffa a gogo a chi coj coj…. in cerca di visibilità elettorale.
    Al Comune oltre a pensare di incassare tasse e gabelle, passare la cera e stirare camice… encefalogramma piatto.

  5. Vi piaceva a vendere la margherita ad 8 euro, ad abusare della parola gourmet, 4 crocchè congelati a 5E, a “pagare” con le mance il ragazzo delle consegne con motorino assicurazione e benzina a suo carico, a vendere un litro di acqua a 4€…. è finito il tempo amici commercianti. Si riparte da zero come tutto il resto della popolazione.
    In tanti abbiamo capito quanto costa fare 4 teglioni enormi di pizza e quanti caffè si possono fare con 250grammi di caffè a 2€.
    Chi ha la forza di capirlo, si riprenderà presto… chi non capisce che è un nuovo inizio e pretende di ricominciare da dove aveva interrotto… beh, buona fortuna!

  6. Ne ho letti di commenti fuori luogo, ma come quello della margherita a 8 euro… ma dove? A salerno? Ed in quale pizzeria? Ma così, per curiosità
    Il problema non è sedersi al tavolo (se prese le giuste precauzioni mi ci siedo tranquillamente); io chiederei a de luca: perchè non posso recarmi presso una pizzeria, magari delineata con un tavolino sulla porta per evitare l’accessi, ordinare una pizza e portarmela a casa? Non sarebbe più facile? Lo stesso vale per le pasticcerie.
    Non è che si fa di tutto per evitare una sorta di situazione lombarda altrimenti viene fuori tutta l’eccellenza della sanità campana?

  7. Ecco qui sono riusciti a far scoppiare la guerra dei poveri. Farci litigare tra di noi. Sviare l’attenzione dalla politica in modo da farci “scannare” tra di noi. Non abboccate a questo sottile tranello, valutiamo invece cosa ha fatto il governo, delegando le decisioni ai governatori delle regioni. Non si è mai vista una cosa del genere, un capo dei ministri che delega ai governatori decisioni che spettano a lui ed ai suoi ministri. I cosidetti bous 2000 €, 600€, dove stanno? Questo dobbiamo chiederci non se il negoziante si lamenta oppure no, perchè è questo che “quelli con la pancia piena” vogliono.

  8. Poi voglio aggiungere pure è vero che ci sono imprenditori che se ne approfittano, ma questo vale per tutto come nella vita ci sono persone buone ci sono anche quelle cattive. Sta a noi valutare cosa è giusto fare, non facciamo di tutta l’erba un fascio, perchè è proprio questo gioco che vogliono farci litigare tra di noi

  9. La tua spiegazione non sta in piedi. Scusa cosa vuol dire 250 grammi di caffè a 2€? Tralasciando le spese e tutto non voglio scrivere di questo, il discorso che fai tu lo potremmo fare allora su tutto. Per esempio nell’abbigliamento un jeans (per esempio), tra materia prima e tutto il resto credo un buon 8€ costi. Se tutti facessero come dici tu il guadagno non ci sarebbe per nessuno. Non è fattibile quello che dici. Ovviamente mi riferisco a chi fà prezzi onesti, per quanto riguarda gli sciacalli del commercio li stendo un velo pietoso.

  10. ristoranti gourmet a Salerno….???? Ti danno la minestrina e ti spennano 30 euro a persona x che cosa?????

  11. Polemiche sterili, inutili e becere.
    Sono un consumatore, non un ristoratore.
    Cosa vi aspettavate, un libera tutti?
    Organizzatevi e usate questo periodo per rafforzarsi.
    Le persone non hanno più la 50 euro in tasca per venire da voi a mangiare 4 panini e una bibita.
    Organizzatevi perché è dura e, sinceramente, sentire le vostre inutili lamentele fa venire il voltastomaco.

  12. grande crocchè congelato! purtroppo è la verità ma si deve anche dire che non tutti esagerano ed è lasciata a noi la facoltà di scegliere tra la “moda del momento” e la sostanza (io ad esempio vado in ristoranti dove pago la carne quanto la pizza).
    vorrei anche pagare 8 euro per una pizza almeno si pagassero le tasse veramente (e non con quegli scontrini pseudo fiscali con sotto scritto in piccolo “non fiscale” che alcuni, non tutti, rilasciano per farti credere che lo sia…).
    cmq tutto quel che si dice in questo periodo è giusto e vero anche i problemi che hanno i commercianti, purtroppo è tutto il sistema che è sbagliato.
    dovremmo approfittare di questa situazione per evitare di fare una guerra tra poveri scegliendo per un vero senso di solidarietà da parte di tutte le categorie.
    dai dipendenti ai commercianti dai ristoratori agli albergatori dai locatori dei negozi ai politici fino ad arrivare ai beneficiari del rdc passando per i balneatori ai finti indigenti ecc….. una riduzione dei costi, con contestuale riduzione, anche minima, delle tasse così da far girare di più tutto ed aumentare il senso di unità.
    si tratta solo di un periodo in cui ognuno di noi dovrebbe fare più sforzi e guadagnare qualcosa in meno.
    lo so è un’utopia eppure, ora, abbiamo l’occasione e, per il solito senso di egoismo, non la stiamo cogliendo.
    tutti, non solo i commercianti, vogliono qualcosa ma senza voler dare niente in cambio.
    stiamo talmente in basso che non potremmo che risalire e , invece, siamo in grado ancora di scendere!

  13. Uaju, i soldi SONO FINITI e l’emergenza economica è soltanto all’inizio!

    Il 30% della popolazione ha perso il lavoro e un buon 60% inizia a contare il soldo nella tasca.
    Qui non si tratta più di essere furbi, onesti o approfittarne, qui si tratta di fare i conti con la coperta che è cortissima.
    Adesso, se qualcuno è intelligente da capire che la nuova situazione è questa ed ha l’intelligenza di riadattarsi e diventare appetibile, BENE… altrimenti andrà ad aumentare il 30% di cui sopra, altro che chiacchiere al vento.

    Con 10E la gente a casa farà pizze, pane, dolce, caffè e spese per farlo… e LO FARANNO, altro che il mio discorso non sta in piedi! con 2 euro e una confezione di caffè da 250gr di caffè macinato, escono fuori oltre 50 caffè (CINQUANTEUR!)! Con 50 cent di farina, 50 cent di passata, 10 cent di lievito e 4 euro di fior di latte, escono 4 teglie di pizza che in rosticceria le paghi 50E (se ti va bene).

    Questo è e così sarà.

  14. Le restrizioni imposte da De Luca erano facilmente prevedibili per un semplice motivo: il duce conosce molto bene la gravissima condizione in cui è ridotta la sanità in questa regione, avendo concorso egli stesso ai continui tagli e chiusure di presidi ospedalieri per tentare di uscire dal commissariamento! Quindi, i cittadini campani oltre a pagare i disagi economici per il ricorso alla sanità privata onde evitare le lunghissime liste d’attesa della sanità pubblica, oggi pagano anche i disagi delle restrizioni a causa dell’infezione presente nel paese! Quindi è inutile prendersela col pizzaiolo o col barista, guardiamo invece a chi è stata sciaguratamente affidata la regione.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.