Calcio, l’avvio delle sedute individuali è il primo passo verso la normalità

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
E’ arrivato l’ok dal Viminale e da alcune Regioni per il ritorno in campo degli atleti degli sport di squadra, ma solo per sessioni individuali. Se la ripresa dei campionati pare ancora molto lontana, un primo passo verso la normalità viene compiuto e il Sassuolo stamattina ha inaugurato il nuovo corso, anticipando anche quei club che nelle scorse settimane avevano scalpitato per tornare in campo (come Lazio e Napoli). Con l’inizio della Fase 2, dunque, teoricamente i calciatori possono tornare ad utilizzare le strutture private, con tutta una serie di accorgimenti. Innanzitutto i tesserati dovranno sottoporsi ai tamponi (o in alternativa ai test sierologici), per scongiurare il rischio che positivi asintomatici possano contagiare il resto della truppa. La Salernitana, che ha a disposizione le strutture del Mary Rosy e dell’Ultimo Minuto, avrà bisogno di una decina di giorni per provvedere: il club deve inviare la comunicazione all’Asl di competenza, poi reperire una struttura adeguata e infine effettuare (e attendere l’esito) dei tamponi alle circa 50 persone che ruotano in orbita prima squadra: calciatori, tecnici, sanitari, magazzinieri e via discorrendo, tutti dovranno sottoporsi ai controlli. Nel frattempo, la società dovrebbe suddividere i calciatori in gruppi ed organizzare le sedute individuali evitando di creare assembramenti. Il protocollo di sicurezza (sedute a porte chiuse, rispetto delle norme del distanziamento sociale, limitazioni nella condivisione degli spogliatoi, docce da fare nelle rispettive abitazioni, controlli costanti da parte dello staff medico) è molto severo ma è l’unico modo per iniziare a riassaporare il campo. Certo, come ha sottolineato Fabiani, dopo il lavoro fisico (fondamentale per evitare infortuni dopo un lungo periodo di inattività) i calciatori avranno bisogno del pallone e di iniziare ad effettuare prove tecniche di ritorno in campo. Ma, questo è chiaro, prima del 18 maggio nulla di tutto ciò potrà avvenire. A meno che, prima, non intervenga il governo con una decisione definitiva sulla questione.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.