Scandalo all’Agenzia delle Dogane di Salerno, presto gli interrogatori

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Sarà durante gli interrogatori di garanzia che le 39 persone finite ai domiciliari per lo scandalo all’Agenzie delle Dogane di Salerno potranno chiarire tutti gli addebiti formulati dalla magistratura, che ritiene di aver scoperto un giro di corruzione senza precedenti in area portuale.

Ma è il numero vorticoso di indagati (quasi cento) che metterà gli inquirenti di fronte ad una mole di lavoro enorme, perché molti di coloro che hanno ricevuto misure cautelari proveranno a farsele revocare ricorrendo al Riesame. Nel mirino, oltre a spedizionieri, operatori portuali, professionisti, imprenditori, ci sono soprattutto i funzionari dell’Agenzia delle Dogane (tra cui l’ex direttore ed il vicedirettore), oltre ad ispettori sanitari, un finanziere e un dipendente della Procura che passavano informazioni sulle indagini.

In pratica, il sistema di corruttela documentato anche nelle intercettazioni puntava a ridurre i controlli, se non ad eliminarli del tutto, per registrare fittiziamente la merce in transito e consentire che il materiale fosse immesso sul mercato senza che fossero pagati i dazi doganali (l’evasione è stata quantificata in oltre un milione di euro).

Ma a colpire i magistrati sono stati anche il traffico di rifiuti ed il contrabbando, reati gravissimi, sui quali anche i funzionari delle dogane hanno cercato di dissimulare piuttosto che collaborare alle indagini. Fin quando non è arrivata una segnalazione dall’interno, che ha squarciato il velo di omertà.

Non è ancora chiaro se oltre a regalie varie e favori qualcuno abbia incassato anche mazzette: dalle intercettazioni emergerebbe qualcosa in tal senso, ma i passaggi vanno messi a fuoco. Di sicuro, l’ufficio dogane di Salerno va ricostruito.

Fonte: LIRATV

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. la stessa cosa della commissione tributaria di salerno…
    la stessa dell’agenzia delle entrate..
    ora pure al porto e addirittura per pigliarsi anche una busta di frutta
    chissà chi saranno i prossimi scandali di corruzione…..
    che chiavica

  2. Mi auguro che a pagare penalmente in modo serio, siano i veri responsabili di traffici gravi e non quelli che portavano a casa qualche sacchetto di fagioli o di uva bianca, anche se per utilizzare questa merce , ci sono i negozi dove acquistarla.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.