FiIca Cisl Salerno: pericolo infiltrazioni camorristiche a riapertura cantieri

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Ripartenza in sordina per il settore edile nei primi giorni della cosiddetta Fase 2 della pandemia. Si torna alla normalità o quasi dopo un mese di fermo in cui i cantieri e le attività del settore edile sono state ferme, ma la riapertura ha trovato non poche imprese e artigiani impreparati alle nuove regole che impongono i protocolli di sicurezza Covid19.

Mascherine, distanze di sicurezza, gel igienizzanti e guanti sono alla base della nuova convivenza lavorativa, ma questo spesso nei cantieri non basta. In particolare il disagio è stato riscontrato in quei cantieri che per esigenze tecniche necessitano un’operatività
ravvicinata degli operai ovvero per quelle mansioni in cui è richiesta una maggiore ventilazione fisica.

La sanificazione dei luoghi di lavoro e dei mezzi – sia di trasporto che operativi – è soluzione non semplice considerate le indefinite esigenze che ogni cantiere o mezzo potrebbe avere nelle diverse fasi di lavorazione. Tuttavia, con notevoli sforzi le imprese si stanno gradualmente attrezzando per ripartire a pieno regime con non poche difficoltà
nell’individuare ed applicare le corrette procedure di sicurezza per i lavoratori.

Questo fenomeno non è passato inosservato ad Antonio Duraccio responsabile della Filca-Cisl dell’agro Nocerino Sarnese  sindacato degli Edili dichiarando si vigilare in maniera maggiore sulla sicurezza dei lavoratori in questa seconda fase della crisi. Secondo il sindacato i modelli di sicurezza individuati a livello nazionale dal Governo centrale sarebbero troppo generalizzati, in quanto concepiti per una pluralità di settori, senza tenere conto delle specifiche esigenze dell’edilizia.

“I rischi per la salute sono aumentati, e perché si propongono modelli che in nome della semplificazione sacrificano la legalità e la dignità dei lavoratori -ribadisce Duraccio. Il problema della sicurezza del lavoro nel nostro Paese era presente già prima del Covid – continua Duraccio – ma si continuerà lavorare per una maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro, che si fondi sulla prevenzione e non sulla cura”.

Quello che chiedono i sindacati è maggiore sicurezza: un processo però che deve partire dalla formazione e dalla cultura del lavoro. Quella che sta vivendo il mercato edile è una fase di ripresa timida, che stenda a decollare. Un percorso che però potrebbe far gola alla criminalità organizzata come già accaduto in passato, laddove in occasione di eventi
catastrofici la malavita ha preso il sopravvento infiltrandosi nei mercati.

Questo è un fenomeno che si può solo prevenire – afferma Duraccio – proteggere i cantieri dalla malavita organizzata è come  proteggerli dai pericoli: è possibile prevenire, la cura per alleviare il dolore, però spesso non produce risultati utili”, per la salvaguardia e tutela dei lavoratori delle costruzioni.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.