Scontro su aperture negozi già dall’11: governo e sindaci contro i governatori

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
E’ in atto uno scontro, sulla riapertura anticipata dei negozi già dall’11 maggio, tra le istituzioni: governo e anche sindaci fanno quadrato contro i governatori, preoccupati – come scrive il quotidiano “Il Mattino” –  dal centralismo regionale. Ieri mattina i presidenti di Regione hanno raggiunto un’intesa con la mediazione del presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, approvando un documento per chiedere mani libere sulle riaperture del commercio al dettaglio già dall’11 maggio. Ma il ministro degli Affari regionali di assegnare nel prossimo Dpcm alle Regioni il potere di regolare la riapertura delle attività Boccia ha tenuto il punto: l’11 maggio, cioè lunedì, è troppo vicino perché ci siano già le linee guida dell’Inail per stabilire i comportamenti in sicurezza da tenere nei bar e nei ristoranti, così come nei negozi di abbigliamento dove non è chiaro come si fa a sanificare un capo che è stato provato nel camerino.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. PRIMA DI APRIRE CHIARIRE A LETTERE CUBITALI I CRITERI PER IL COMMERCIO. MASSIMA ATTENZIONE ALLA VENDITA AMBULANTE DEGLI ABIT USATI.
    1 TRACCIARE LA PROVENIENZE MEDIANTE DOCUMENTO FISCALE
    2 SANIFICAZIONE EFFETTUATA DA AZIENDA CERTIFICATA
    3 NOME DEL PRODOTTO IGIENIZZANTE E SCHEDA TECNICA
    IL TUTTO INSERITO NELLA BUSTA CONTENENTE IL CAPO USATO.
    SOLO CON UNA TRACCIABILITA’ RIGOROSA SI POTRA’ AUTORIZZARE LA VENDITA DI CAPI USATI AL MERCATO, PERICOLOSA OLTRETUTTO PER GLI ADDETTI ALLE VENTITE, AL PERSONALE E AI BANCHI COMMERCIALI CONFINANTI.
    E’ FINITO IL TEMPO DELLA SUPERFICIALITA’ IL VIRUS E’ UNA COSA SERIA E LA CITTADINANZA VA TUTELATA DA COMMERCIANTI DELL’USATO CHE NON APPLICANO REGOLE IGIENICHE E SOPRATTUTTO FISCALI.

  2. Bisogna essere dei pazzi dal mio punto di vista ad aprire l’ 11 maggio . Aspettiamo di vedere come si evolve la curva dell’ epidemia e poi ragioniamo sul come partire , così si rischia una catastrofe !

  3. ma che schifezza come si fa a permettere di poter vendere senza sanificazione gli abiti usati ma veramente dobbiamo prenderci una malattia?
    o si mettono in regola e pagano anche le tasse o non devono mettere in pericolo i poveracci che vanno a comprare

  4. Ma dai tu da mangiare a chi non apre ed ha spese di gestione e tasse da pagare?Bisogna aprire in sicurezza altrimenti questa gente chiuderà per sempre.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.