Dalla Regione Campania le proposte per il rilancio del Wedding

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Dal “no” alla responsabilità civile e penale dei titolari delle attività nel caso di contagio di clienti e dipendenti al “sì” ai benefici fiscali per gli sposi nel 2021.

Il settore del wedding, completamente fermo da inizio pandemia, e con prospettive non rosee vista la pratica impossibilità di celebrare matrimoni, prova comunque a ripartire in Campania, e lo fa attraverso quattro punti di un piano stilato dall’associazione “Yes Aiem” (Associazione Imprenditori Eventi Matrimoni) dopo la riunione tenuta lo scorso 7 maggio alla task force della Regione Campania.

Il settore produce in Campania un fatturato medio di circa 6 miliardi di euro grazie ad oltre 20mila matrimoni all’anno; un settore in cui proprio la Campania è leader indiscussa in Italia. Il presidente dell’associazione di categoria, Sara Trocciola, spiega che “l’intento di tutti i principali attori di questo comparto strategico per la Campania è quello di iniziare a porre le basi per immaginare delle aperture nei prossimi mesi che possano permettere almeno di recuperare la stagione autunnale ed invernale, oltre a dare delle certezze a migliaia di future coppie di sposi che si sono visti trasformare un sogno in un incubo a causa dell’emergenza sanitaria”.

Il primo punto individuato è il “no” alla responsabilità civile e penale da parte dei titolari delle attività nei confronti dei clienti e dei dipendenti che restino contagiati. “Un ipotetico e malaugurato contagio – spiega la Trocciola – non può essere considerato pari ad un infortunio sul lavoro”. Altro “no” riguarda la riapertura fino alla fine dell’emergenza sanitaria, che si potrebbe prevedere in una data ipotetica inizio mese di luglio (scadenza dei 180 giorni dall’inizio della pandemia).

“Non ci sarebbero i presupposti – dice la Trocciola – date le restrizioni attuali ancora troppo stringenti, per la realizzazione di un matrimonio. Senza dimenticare che fino a quella data indicativa, non c’è più la domanda”.

C’è poi il “sì” alla possibilità di poter usufruire di sgravi fiscali, con il prolungamento della cassa integrazione per i dipendenti, la richieste di accedere a prestiti ad interessi zero per sostenere le proprie attività e di avere contributi a fondo perduto per la manutenzione delle strutture che, seppur chiuse per eventi, hanno comunque bisogno di costanti lavori fino a quando non saranno nella possibilità di riaprire.

Si richiede inoltre lo sgravio di Tari ed Imu relativamente al periodo imposto della chiusura. “Sì”, infine, a benefici fiscali a favore degli sposi 2021 che decidono di celebrare le nozze nei mesi di gennaio, febbraio, marzo e novembre. “Sarebbero auspicabili anche misure come il credito di imposta o bonus e incentivi”, conclude la Trocciola.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.