A Salerno ancora appelli inascoltati per salvare gli alberi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Dopo la pubblica denuncia che il nostro circolo ha operato nei confronti dell’ennesima operazione di capitozzatura dei platani cittadini operata dal Comune durante il mese di febbraio e ripresa oggi, dopo la pausa della quarantena, abbiamo deciso di coinvolgere, ancora una volta, Giuseppe Cardiello, dottore forestale e socio della Società Italiana di Arboricoltura onlus, e Carmine Grimaldi, agrotecnico e socio dell’Associazioni Arboricoltori, esperti del settore.

La sintesi del confronto ha evidenziato che il ricorso a scriteriati interventi di capitozzatura è un modus operandi che non ha interessato i soli filari alberati che accompagnano la Lungoirno ma viene sistematicamente applicato depauperando il patrimonio arboreo cittadino.

A tal riguardo è bene ricordare e sottolineare che la capitozzatura è una pratica dannosa appartenente a un tempo passato e assolutamente priva di ogni fondamento scientifico. Per tale motivo, le amministrazioni comunali più sensibili rispetto alla corretta gestione degli alberi in città, hanno letteralmente bandito questa tipologia di intervento.

A Salerno, nonostante le sollecitazioni ad una più consapevole salvaguardia del patrimonio arboreo, assistiamo inermi alla sistematica distruzione dello stesso. Infatti, questa errata operazione riduce drammaticamente le aspettative di vita degli alberi, trasformando i soggetti arborei in fonti di rischio per la pubblica incolumità in aree ad elevata fruizione.

Il danno provocato da tali azioni è, quindi, duplice: c’è quello economico, che nel caso dei platani presenti sulla Lungoirno i tecnici stimano tra i 500/1200€ per pianta capitozzata e che si traduce in uno spreco del denaro pubblico; poi ce n’è uno ambientale, in un momento storico in cui le città europee si stanno attrezzando per investire nella forestazione urbana per mitigare e contrastare il cambiamento climatico e rendere gli ambienti urbani più vivibili, interventi del genere annientano anche quel risicato verde già esistente.

Si ribadisce che gli unici interventi opportuni da eseguire sui giovani platani della Lungoirno sarebbero dovuti essere potature di allevamento (necessari cioè a eliminare alcuni difetti strutturali dell’albero in fase di crescita e liberare il passaggio per persone e eventuali vetture) e miglioramento del terreno circostante al fusto, caratterizzato da un eccessivo compattamento.

I tecnici si sono resi disponibili ad una dimostrazione di potatura corretta, noi ci siamo resi disponibili verso ogni azione di sensibilizzazione e informazione. Restiamo dunque in attesa di una risposta da parte dell’amministrazione.

Elisa Macciocchi
Presidente del circolo
Legambiente Salerno Orizzonti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Avete stimato il danno agli alberi, stimate però anche il danno alle macchine quando cade la resina visto che paghiamo per parcheggiare. Grazie 1000

  2. Quando governa l’incapacità, questi sono i risultati. E non parlo in modo fazioso.
    Spesso i dirigenti degli enti locali fanno la spola tra i settori solo perché appartenenti ad un circolo ristretto.
    E ci ritroviamo ambientalisti al Bilancio e ragionieri al Verde Pubblico.

  3. Questo è solo uno dei tanti settori del comune nei quali regna sovrana l’ignoranza e l’incompetenza! Infatti, se ricordate, per far posto ai parcheggi interrati di piazza Cavour, i sacrificati, in quattro e quattro otto, furono gli alberi! Oggi, ad oltre due anni dallo scempio, non si ha notizia né dei parcheggi né degli alberi. Qualunque cosa faccia questa amministrazione è sempre fatta col timbro dell’ignoranza, dell’incompetenza e con tanto spreco di denaro pubblico.

  4. Guardare la,differenza tra le due foto fa male al cuore!
    Un bel verde vita sostituito dal grigiore.
    Solo una bestia può pensare di potare una pianta in quel modo!
    Viviamo tra uomini delle caverne!
    Come possiamo aiutare a salvaguardare questi alberi?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.