Protocollo da modificare: Lega e Figc presentano proposte al Governo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Si continua a discutere del protocollo per la ripresa degli allenamenti in A. Ieri la Lega ne ha parlato con Figc e la Federazione Medici Sportivi per arrivare a soluzioni alternative condivise da sottoporre di nuovo all’attenzione del Governo. I nodi da sciogliere erano quelli relativi soprattutto alla quarantena di squadra da osservare in caso di contagio di un giocatore e del ritiro/isolamento prima del campionato, nonché l’allentamento delle responsabilità in capo ai medici.

Nel protocollo licenziato dal comitato tecnico scientifico le regole relative a questi aspetti, secondo le società che si sono ribellate, sarebbero troppo rigide. Da qui, l’incontro di ieri per proporre altre alternative. Dal confronto della Lega di A con Figc, con il presidente dell’FMSI, Casasco, ed il rappresentante dei medici della massima serie, Nanni, è emerso che sono state elaborate integrazioni per risolvere alcuni problemi del nuovo protocollo relativo agli allenamenti sportivi di gruppo.

Tali integrazioni verranno sottoposte al Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport, al Ministro della Salute e al CTS. Anche il presidente della Figc, Gravina, ha fatto sapere che si sta cercando di trovare degli aggiustamenti, dei punti incontro per risolvere qualche piccolo ostacolo all’applicazione del protocollo”.

Pur auspicando un atteggiamento di prudenza da parte di tutti, il numero uno della Federcalcio ha evidenziato la grande difficoltà riscontrata dalle società nel reperire strutture ricettive disponibili perché ancora bloccate.

“Dunque dobbiamo consentire – ha detto – condividendo il percorso con i ministri Spadafora e Speranza, una piccola variazione al protocollo che possa consentire di continuare gli allenamenti trasformandoli da individuali in collettivi”.

Sulla quarantena dell’intera squadra, Gravina ha precisato: «Quello che ci preoccupa, e lo abbiamo rappresentato al ministro Spadafora trovando accoglienza e considerazione, è il tema della quarantena obbligatoria per tutta la squadra in caso di un nuovo positivo. È un problema e lo stiamo affrontando con determinazione, prudenza ma attenzione per evitare che un rapporto stressato possa generare tensione e bloccare la partenza del campionato. Un altro tema sul tavolo è la responsabilità dei medici, ma credo che l’Inail abbia già chiarito con una circolare che c’è responsabilità solo in caso di dolo o colpa grave».

Infine, Gravina non chiude le porte ad un cambio di format nel finale del torneo. «L’ipotesi playoff – dice – è ancora in piedi».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.