Con la bici tra Ambiente ed Economia (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’utilizzo della bicicletta, oltre a consentire di risparmiare la emissione di 1,5 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno, rappresenta una risposta ideale, quanto semplice, alla esigenza di rigenerarsi dopo una fase di disagio.

La bici garantisce, altresì, un naturale distanziamento fisico, nonché adattabilità e versatilità in contesti di qualsiasi tipo ed è assai funzionale ad un turismo di prossimità (staycation, vacanza vicino casa).

In base al Rapporto sul Cicloturismo in Italia – realizzato da Isnart-Unioncamere e Legambiente – negli ultimi anni si è registrata una crescita esponenziale di coloro che scelgono di trascorrere le vacanze pedalando nel nostro Paese.

Se gli 1,4 milioni di cicloturisti italiani confermassero tale modalità di vacanza principale e se a costoro si aggiungessero i cicloturisti che normalmente si muovono tra gennaio e maggio, lo scenario estivo potrebbe riscontrare un significativo incremento: sino a 2,7 milioni.

Lo scorso anno, son stati stimati 20,5 milioni di pernottamenti di cicloturisti italiani; nel 2020, dunque, considerando anche dei brevi soggiorni autunnali (due/tre giorni) a fine anno si toccherebbe quota 25,9 milioni di presenze (+26%). Sono numeri che rendono l’immagine di un fenomeno debordato dai parametri e dai perimetri di nicchia e che determina un impatto economico cospicuo, con enormi potenzialità di crescita.

Nel 2019, in Italia, si son vendute 1,7 milioni di biciclette (3 al minuto), e quasi 2 milioni di persone la usano quale mezzo di trasporto quotidiano. Il cicloturismo può rivelarsi, allora, una importante componente per la ripresa del turismo e per fruire delle bellezze dei territori italiani all’insegna del Green.

Esso esprime i caratteri propri della Low Touch Economy – sicurezza, salute, distanziamento, corto raggio – e si propone come un “mezzo” utile al conseguimento di una diversa e nuova normalità per il superamento dell’emergenza Covid19.

Nell’attuale situazione di crisi, occorre ricercare anche prospettive di opportunità e lo sviluppo del cicloturismo è sicuramente tra queste. Approfondendo l’analisi del Rapporto si comprende quanto sia, oltre che responsabile, proficuo implementare gli incentivi alla smart mobility e agli acquisti di mezzi di mobilità alternativa.

Più diffusi saranno, pure in modalità cittadina, meglio estenderanno il loro impatto positivo su un segmento del comparto turistico ad alto potenziale di sviluppo, peraltro, per i flussi internazionali e altamente qualificante per il Paese sotto il profilo dell’attenzione all’Ambiente e alla Sostenibilità.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.