“Zero prenotazioni, non riapriremo”: 390 alberghi del salernitano si arrendono

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Gli albergatori del Salernitano si arrendono alle conseguenze economiche nefaste provocate dal Covid-19. Anche se dal prossimo lunedì 25 maggio potranno riaprire le loro strutture non lo faranno. Il mondo dell’ospitalità turistica, che nella nostra provincia – come scrive il quotidiano “Il Mattino” – conta 390 alberghi è deciso a tenere i battenti ancora chiusi. A oggi le prenotazioni sono un miraggio e dei protocolli per accogliere eventuali ospiti in sicurezza non c’è traccia. A dare poi il colpo di grazia al settore, i dubbi sulla riapertura dei confini regionali il 3 giugno. «Capisco che De Luca abbia le sue esigenze, ma anche noi abbiamo le nostre», ha chiarito il presidente provinciale di Federalberghi Giuseppe Gagliano.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Tutti quanti hanno le loro esigenze, ma nelle esigenze del 99,99% dell’umanità stranamente non sono compresi gli alberghi del salernitano.

    Chiudete pure, a chi volete che importi? Se non avrete di che mangiare andate pure a protestare da quelli che dicono che l’Italia può vivere solo di turismo.

  2. La cosa incredibile e’la rappresentazione offerta su Rai1 a Porta a Porta.Io ho ascoltato Franceschini e la mia sensazione e’che queste persone vivano in mondi paralleli.Questo fatto che la Politica abiti in mondi che non esistono genera automaticamente dei disastri.Gli albergatori non aprono ma in onesta`i B&B apriranno?Ne dubito.I Centri Commerciali funzioneranno?I negozi potranno sostenere le tasse?Gli studenti possono continuare a vivere in quel modo?I concorsi ammesso che si faranno come si faranno?E’fattibile tutto questo?La risposta ovviamente No.Lo Stato se ha problemi e’abituato a scaricare ogni responsabilita’sulle persone ridefinite cittadini.Il problema e’che questo sistema non e’piu’sopportabile.Uno Stato tanto inefficiente e bugiardo che fa scarica barile sui cittadini costruisce una societa’malata,poverissima e debolissima.L’Italia e’un Paese distrutto.E’finita per come la vedo io.Si tratta di capire solo chi comprera’questo paese che non ha una Identità,non ha alcun interesse al benessere delle persone,offre servizi scadentissimi e chiede troppo costruendo norme su norme su norme che non permetterebbero di lavorare a nessuno.Questo formalismo normativo esasperante ed esasperato costruisce regole che hanno un solo obiettivo:Non poter lavorare.Punto.Soluzioni?O scegliamo di farci governare dalla Svizzera ad interim o dobbiamo andare via in massa.Non credo si possa vivere in questa specie di Paese.Il problema c’era gia’prima del Covid.Oggi la situazione sebbene sia stata riscritta con nomi fighi come lockdown e altre figate,tolti i nomignoli fighi,resta una catastrofe.Andassero a fare in cu..e basta.

  3. Certo che leggendo i commenti di anonimo italiano e di quell’altro seguente,ci si rende conto della pochezza umana e intellettiva dell’italiano medio. Non considerare che dietro ogni attività non c’è solo il titolare,ma anche decine di collaboratori che non lavoreranno,ma a voi non importa,forse perchè vivete di stipendio statale,di pensione,o peggio di reddito di cittadinanza. Ma se molte attività non riapriranno,lo stato,i comuni non incasseranno un bel niente e voglio vedere come lo riceverete lo stipendiuccio e la pensioncina.

  4. x 7:51, 9:16

    A voi magari non importa nulla che siete dei cretini. Ad un sacco di gente importa, a partire da quelli che ci lavorano.

  5. Stiamo per caso parlando dei lavoratori per lo più sottopagati o pagati in nero?
    Di gente che dovrebbe parlare tre lingue e a stento parla italiano?

    Capirai che ci stiamo perdendo, reddito di cittadinanza e via, tanto metà di loro già lo prende per lavorare a nero.

  6. Non si tratta solo di strutture alberghiere che non riaprono, ci sono migliaia di persone che girano attorno a questa economia, industrie alimentari comprese. Mi dispiace che si arrendono senza almeno provarci

  7. Diciamolo chiaramente, qua tutti, autonomi, imprenditori, commercianti, stiamo inguaiati…ognuno si salva come può.
    C è chi, aprendo, ha colto un ottima occasione, per aumentare i prezzi. Chi invece apre lasciandoli uguali e con spirito di sacrificio accetta di lavorare guadagnando la metà o cercando di pagare almeno le spese.
    C è chi, pur avendo sempre fatto fior di quattrini (magari approfittando di norme favorevoli o, come i lidi, di ritardi clientelari), si lamenta lo stesso.
    C è chi decide di non riaprire perché già stava inguaiato prima.
    C è chi minaccia di non apire perché poi, non avendo aperto, chiede soldi allo stato o, magari, come già si è verificato per altri settori, trovano una scusa, forse anche giusta, per poter aumentare i prezzi senza gogne.
    Non credo che tutti i 390 imprenditori non riescano a recuperare almeno le spese.
    Credo invece che tutti dovremmo darci da fare nel fare sacrifici e se quest anno, visti i morti, riusciamo a malapena a campare ci è andata fin troppo bene.
    Cmq anche se ormai ci siamo stancati delle lamentele di tutti continuate a farlo. Avete pur sempre il diritto di parlare e d altronde si sono lamentati pure i straricchi (autostrade) e chi aveva assistenza a go go senza averne veramente bisogno.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.