Coronavirus, nei guariti anticorpi ‘protettivi’ per almeno 40 giorni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Chi ha avuto il Coronavirus sviluppa anticorpi neutralizzanti in due settimane circa. Anticorpi che danno un’immunità dalla malattia per un mese e oltre, fino a 40 giorni. È il risultato di uno studio condotto dall’istituto Pasteur e dal Centro di ricerca ospedaliero-universitario di Strasburgo, di cui ci parla l’agenzia di stampa Adnkronos.

La ricerca è stata eseguita sul personale dell’ospedale: 160 persone che si sono ammalate ma non hanno avuto bisogno di ospedalizzazione. Nel 98% dei casi dei volontari analizzati, gli anticorpi neutralizzanti sono risultati presenti per 28 giorni, indicano i risultati preliminari della ricerca pubblicati su MedRxiv.

La presenza di anticorpi anti Sars-Cov-2 è stata misurata attraverso due tecniche, un test diagnostico rapido e uno messo a punto dall’istituto Pasteur (S-Flow) mentre l’attività neutralizzante è stata misurata con un test di neutralizzazione di pseudovirus. Il tempo trascorso tra la comparsa dei sintomi e il prelievo di campioni sanguigni è stato di 24 ore. Il test immunodiagnostico rapido ha individuato anticorpi in 153 persone (95,6% dei campioni ) e il test S-Flow in 159 persone (99,4%).

Gli anticorpi neutralizzanti sono stati rintracciati nel 79%, 92% e 98% dei campioni prelevati, rispettivamente, tra i 13 e 21 giorni; tra i 21 e 27 giorni; e tra i 28 e i 41 giorni dall’inizio dei sintomi. Lo studio dimostra che gli anticorpi sono presenti praticamente in tutto il personale ospedaliero testato e che l’attività neutralizzante aumenta nel tempo.

“Sapevamo – commenta Arnaud Fontanet, uno degli autori dello studio e responsabile della salute globale dell’istituto Pasteur – che le persone con forme severe di malattia sviluppano anticorpi nei 15 giorni successivi alla comparsa di sintomi – sappiamo ora che ciò vale ugualmente per chi ha avuto forme minori, seppure il tasso di anticorpi è più basso”.

Questi risultati, spiega Samira Fafi-Kremer, capo del servizio di virologia dell’ospedale universitario di Strasburgo e primo autore dello studio “sono molto incoraggianti per le persone infettate dal virus perché dimostrano che anche forme leggere permettono lo sviluppo di anticorpi capaci di proteggere almeno 40 giorni, anche se resta da verificare la loro persistenza nel tempo”.

Fonte La Leggepertutti.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.