Pediatra Siani: “Prossimo inverno situazione drammatica in Campania, fare vaccini”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
Ci troveremo il prossimo inverno in una situazione drammatica. Avremo l’arrivo dell’influenza e anche, forse, il ritorno del Covid-19″. Sono le parole del pediatra e deputato Paolo Siani, intervenuto al Tg Club – Speciale Coronavirus in onda su Tele Club Italia.

Il pediatra ha commentato l’intenzione del Presidente della Campania, Vincenzo De Luca, di estendere i vaccini agli anziani e anche ai bambini in vista dell’autunno e di una possibile seconda ondata epidemica.

“E’ chiaro che ci troveremo il prossimo inverno in una situazione drammatica. Da qui il richiamo del Presidente De Luca di arrivare ad una vaccinazione al 100%. Forse è esagerato, basta arrivare al 75% – 80% dei vaccinati. Insomma, la sua intenzione è di vaccinare per quanto più possibile gli over 65. Se noi a novembre abbiamo una persona anziana vaccinata per influenza che presenta tosse, raffreddore e febbre, il sospetto che sia un paziente Covid è molto alto. Il discorso vaccino è molto delicato e va programmato subito. Ma soprattutto bisogna essere in grado con strutture territoriali di poterli fare questi vaccini e dare una risposta nei tempi giusti”, ha affermato il medico.

Con i bambini, però, il discorso cambia. “Di recente abbiamo avuto un incontro noi pediatri con il governatore De Luca. Sicuramente i bambini a rischio, con malattie croniche e tumori, vanno vaccinati. Per gli altri, invece, va affrontato un discorso diverso: ci sono studi che dimostrano che i bambini si infettano poco. Sembrerebbe che le mucose nasali dei bimbi abbiano un numero esiguo di ricettori. Se questo fosse confermato, noi avremmo una certezza scientifica. E poi sarebbe di aiuto enorme per la riaperture delle scuole”.

Kawasaki
La sindrome di Kawasaki è una malattia rara, che nei bambini colpisce soprattutto sotto i 5 anni. Ma non sono pochi i genitori preoccupati per le conseguenze di questa patologia.

“Nell’86 era una malattia poco conosciuta – spiega il pediatra Siani nel corso della trasmissione -. Ma nel corso degli anni abbiamo imparato a curarla molto bene. E’ successo che i colleghi di Bergamo hanno segnalato a tutta l’Europa un aumento della Kawasaki nei bimbi e questo ci ha fatto pensare, giustamente, che ci fosse un nesso col Covid. Però questa correlazione non è stata dimostrata e non c’è stata alcuna epidemia di kawasaki”.

Giancarlo Siani
Ha fatto indignare la notizia sulle “mesate” ai parenti di Ciro Cappuccio e Armando Del Core, i killer che uccisero, poco più che ventenni, il giornalista Giancarlo Siani.

“Che le mafie mantenessero i loro familiari o i parenti degli affiliati in carcere era noto. Che fosse così lungo nel tempo, questo mi ha molto colpito”, dice il fratello del giornalista assassinato dalla camorra.

“Sorprende che per 35 anni si riesce ad assicurare una pensione criminale. Se questo può essere considerato un premio per i due killer che non hanno detto tutto, questo non lo so. Quello che colpisce è che mentre le mafie riescono a sostenere le famiglie, lo stato non ci è riuscito. La domanda che mi faccio è: 35 anni fa loro erano dei bambini, come mai non hanno avuto la possibilità dallo Stato di deviare questo percorso di vita? E’ una domanda che dobbiamo porci tutti. La mafia non si sconfigge solo con gli arresti ma anche con la cultura”, chiosa Siani.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Perché non curarci con il plasma? Speculazione anche sulla vita? Che tristezza! De Luca mi auguro che prenda provvedimenti! Altrimenti non ci resta che piangere.

  2. ecco un altro “esperto” tragico…. ma non è che sperate che non finisce mai perché ci mangiate voi e le aziende farmaceutiche. Per favore non date voce a chiunque che non ne sanno neanche loro nulla.

  3. Nei commenti leggo sempre le solite cantilene. Tutti laureati all’università della vita, scommetto. Uno vale uno, la vostra opinione vale quanto quella di un medico laureato in medicina e che ha fatto anni di esperienza sul campo. Complimenti.
    Se aveste letto bene l’articolo, il pediatra non ha detto nulla di nuovo. Già da tempo gli ultra sessantacinquenni accedono gratuitamente al vaccino antinfluenzale, e così anche i bambini e le persone affetti da patologie gravi.
    In medicina si fa sempre un bilancio costi/benefici. Se per un quarantenne in buona salute può non valer la pena di rischiare i seppur rarissimi effetti collaterali di un vaccino antinfluenzale, per un malato cronico di patologie respiratorie o cardiache, o oncologiche, il vaccino non solo non è un rischio, ma un salvavita. Ed in quel caso anche i suoi familiari conviventi dovrebbero fare il vaccino, per creare immunità di gregge.

    Fate una cosa, smontate gli airbag dalle vostre auto, potrebbero scoppiare da un momento all’altro mentre guidate. Perchè rischiare di morire in un improbabile incidente? Meglio morire in più probabile scontro frontale. Sono state le lobby dei produttori di airbag a farveli montare. Ribellatevi! E non mettete le cinture! Anche quelle sono un inganno! Ribellatevi! Date un senso ai vostri studi all’università della vita! 🙂

  4. Per di CAVERNA

    MA ANDATE A CAGARE TUTTI, tranne il farmacista, siete IGNORANTI… CI SGUAZZATE NELLA VOSTRA PUERILE IGNORANZA DA 4 SOLDI, FATE UNA COSA QUANDO STATE MALE, NON RECATEVI IN OSPEDALE, ANCHE SE AVETE UN INFARTO, SAPETE COM’È VI DOVREBBERO SOMMINISTRARE FARMACI SALVAVITA, DELLE LOBBY… CHE IDIOTI.

  5. Ernyhope, potresti spiegarti meglio? A sparare sentenze telegrafiche siamo bravi tutti.
    Primo, spiegaci quali sono le tue competenze, perché dovremmo ascoltare il tuo illuminatissimo parere. Secondo, dicci perché secondo te i vaccini sono veleno.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.