Bufera spiagge libere a Eboli: il sindaco Cariello sott’accusa per la chiusura

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
E’ bufera per la chiusura delle spiagge libere ad Eboli. Sott’accusa, soprattutto da parte delle opposizioni in consiglio comunale, è finito il sindaco Massimo Cariello – come scrive il quotidiano “Il Mattino” – che ha fatto precedere l’emanazione dell’apposita ordinanza dall’interdizione attraverso dei pali di alcuni arenili pubblici del litorale. Sono stati gli stessi cittadini a segnalare quanto stava accadendo in riva al mare. Da parte sua il primo cittadino si è difeso sostenendo che questa sua decisione era già stata comunicata in anticipo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Fascio leghista cagione legato alla poltrona, questo sei opportunista e incompetente.

  2. il sindaco ha preso la decisione più semplice, tutto chiuso, così non rischia.
    PESSIMA DECISIONE, LA PROGRAMMAZIONE IN SICUREZZA forse è una questione che non capisce.
    che mi rappresenta chiudere, il comune assumesse a tempo determinato 20 giovani disoccupati, fra loro anche qualche esperto nuotatore, affidasse le spiagge libere: pulizia della sabbia, gestione delle presenze stabilite, distanza adeguata fra gli ombrelloni, controllare anche in acqua che vengano rispettate le regole ecc. giornalmente un controllo ulteriore da parte di vigili urbani ed impiegati comunali, verifica dell’operato dei responsabili e se trovano anomalie o inadempienze segnalarle al sindaco con urgenza.

  3. Come al solito non viene usata logica e buon senso, le spiagge sono molto ampie e possono essere gestite adottando misure di prevenzione con molta facilità, almeno per i residenti e per chi ha le seconde case, in questo caso anche autocertificando.
    Siamo alle solite, la prostituzione e l’immigrazione continueranno a fare il loro corso mentre i cittadini subiranno l’ennesima debacle. Durante la quarantena, approfittando dell’assenza forzata dei proprietari, sono stati consumati centinaia di furti con scasso nella zona di Campolongo e come nel mio caso tanti cittadini non hanno nemmeno denunciato l’accaduto, perché non ci si sente tutelati minimamente dalle istituzioni, ci troviamo in un contesto di sfiducia e vergognoso …

  4. O paghi la camorra dei lidi o stai a casa…se tu non hai soldi non hai alcun diritto …ci vorrebbe un ribellione generale ma nessuno fa nulla

  5. E’vergognoso che noi cittadini senza reddito dobbiamo e siamo obbligati a pagare circa 1000euro x andare al mare.E questo la ns amministrazione lo permette.Il mare e’di tutti rled abbiamo il diritto di godercelo.

  6. Vergognati sindaco di eboli questi e abuso di potere xche la magistratura nn indaga su questo personaggio ke toglie la liberta di poter usufruire di un bene comune al popolo italiano solo alzandosi una mattina e chiude le spiagge libere ma quelle a pagamento no

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.