Covid: per la prima volta in Campania si registrano zero contagi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Per la prima volta in Campania dall’inizio della Pandemia si registrano zero contagi. L’Unità di Crisi della Regione ha diramato come di consueto il bollettino che non ha riscontrato alcun positivo su un totale di 2.485 tamponi esaminati

Questo il quadro di sintesi:

Positivi di oggi: 0
Tamponi di oggi: 2.485

Totale complessivo positivi Campania: 4.822

Totale complessivo tamponi Campania: 212.486

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. ma tanto non cambia nulla, non lo avete capito ancora che questa farsa deve continuare fino al vaccino e all’identificativo digitale per tutti? non vedete che già da tempo non ci sono casi in molte regioni, tanti scienziati dicono che il virus è praticamente sparito, di fatto non c’è nessun malato, ma nonostante questo hanno già stabilito che dovremo usare le museruole per sempre, che dovremo usarle a settembre nelle scuole, che ci sarà la seconda ondata, che a dicembre ci saranno limitazioni, che l’emergenza è fino al 2021… che altro ancora vi serve per capire che è una farsa e il virus non c’entra nulla più????

  2. che bello!!! evviva!!! ora possiamo tornare a morire di cancro come ci piace a noi!! sono felicee, voi no? ma grazie ai politici pd-5s che hanno pensato al nostro bene, ora possiamo scegliere pure di morire di fame, disoccupazione e distruzione di economia reale! sono felicissimo!! grazie pd!!! grazie 5stelle!! mi avete commosso

  3. No, così non va, devono aumentare altrimenti come si giustificano le museruole e l’ingresso a 18 euro alla baia

  4. bravi i primi 4! in brasile dove la nostra stampa vuole far credere che il cattivone bolsonaro stia uccidendo milioni di persone, sono morte senza blocco totale 32500 persone, in italia 33500. ddettaglio, loro sono piu di 200 milioni, noi 60! capite la truffa mediatica che stanno mettendo in atto qui da noi (e non solo) ???
    brasile, svezia hanno meno morti, molti di meno, e senza uccidere l’economia. pure gli Usa non hanno nulla di che, essendo i dati entro la normale mortalità per un paesse da 350 milioni di abitanti. fate la proporzione con gli abitanti, e capirete le truffe dei professionisti dell’informazione!

  5. Con la differenza che in Italia, grazie al lockdown, ci siamo fermati a 33500 morti. In Brasile la curva è ancora in salita…
    E comunque stiamo parlando di morti IN PIU’ rispetto al passato. Sono persone, non numeri.

  6. Beeeeeeeeeeeeeeeeeelo!
    Però io la museruola, simbolo di sottomissione, i guanti e paravento li metterò fino a quando non me lo dice barbara d’urso alla tv spazzatura, e mentre aspetto le nuove disposizionidi “sopravvivenza” vado a cantare beotamente fuori al balcone beEeEeEella ciao, ma sempre con tutte le precauzioni del caso. ….non sia mai passa qualche moscone wAiraus!

  7. Mi chiamo Giulia, ho 30 anni e sono un’infermiera. Nel mese di marzo mi sono ammalata di Covid-19. Inizialmente, nella sfortuna, ho pensato di essere stata fortunata, di averla “sfangata” con pochi sintomi, senza che fosse necessario il ricovero in ospedale.. un po’ di febbre, qualche dolore muscolare, difficoltà respiratorie lievi e risolte in pochi giorni, un solo accesso in ospedale per broncospasmo.
    Niente di che, insomma.

    I problemi sono iniziati circa dieci giorni dopo la mia negativizzazione al tampone. Uno strano dolore alla gamba, un esame al volo e la diagnosi di Trombosi Venosa Profonda. Il che significa che in una vena della mia gamba (dopo qualche giorno, in due vene diverse) si era formato un coagulo così grosso da non far passare più il sangue. Ho 30 anni, e il mio sangue coagula come quello di un vecchietto allettato.

    Da lì, il mio calvario.

    Sono stata vista da: chirurgo vascolare, chirurgo generale, ematologo, psichiatra, medico d’urgenza e cardiologo.
    Ho eseguito 5 eco-doppler alla gamba, un’ecografia della parete muscolare dell’addome, una lastra del torace, una TAC torace e arto inferiore con mezzo di contrasto, un ECG-holter delle 24h, un ecocardio e un’infinità di esami del sangue.
    Mi sono sentita diagnosticare una doppia trombosi venosa profonda con riduzione del flusso persistente dopo due mesi di terapia e parziale dilatazione della vena, una tachicardia sinusale con battiti ectopici ventricolari e sopraventricolari, un disturbo post-traumatico da stress con insonnia, una vasculite post covid-19.

    Ho avuto spesso, troppo spesso, paura. Tanta. Paura di non poter mai più tornare a svolgere il mio lavoro come prima, paura di morire. Mi hanno imbottita di psicofarmaci prima di capire che non era l’ansia la causa della tachicardia, ma mi hanno detto di continuare a prenderli, per dormire. Peccato che io non dorma da settimane. Ogni notte mi sveglio a causa degli incubi che faccio. Dormirò sì e no 4 ore.
    Convivo con un fantasma, quello della malattia.
    Sono arrivata ad odiare la mia casa, diventata una prigione da ormai 79 giorni.

    Questo post l’ho scritto in realtà per fare una dedica speciale.
    Lo dedico a voi maledetti complottisti, che sostenete che il virus non esista, che sia stato creato per far guadagnare soldi a Bill Gates, che vi stiano mentendo e la situazione non sia così grave come sembra, che non volete mettervi la mascherina perché vi farà morire di ipercapnia (che manco sapete cosa sia), che vi ammassate nelle piazze perché non avete paura di un virus che uccide solo i vecchi, che sostenete che il virus sia un problema solo per chi ha malattie gravi e invalidanti…. e tante altre puttanate.
    A voi che pensate che tanto non vi capiterà mai niente, dedico la foto della terapia che ho dovuto prendere negli ultimi due mesi e che continuerò a prendere non so per quanto tempo. E ho SOLO trent’anni.

    A voi dedico ogni singola iniezione che mi sono dovuta fare, ogni ematoma distribuito sul mio corpo, ogni pastiglia che devo mandare giù tutti i giorni, ogni minuto di veglia al buio, ogni sfarfallio che avverto nel petto.

    Con affetto, Giulia

  8. Fatti forza Giulia, non aggiungere anche l’imbecillità altrui ai tuoi problemi che ne hai a sufficienza.

    Fatti coraggio e vedrai che ne uscirai.

  9. Nathan Never, di problemi con la matematica ne tieni parecchi eh? in brasile non sale un bel niente, e pur se salisse al doppio, sarebbe ancora la metà dei nostri morti in proporzione agli abitanti! e bastaa con questa storia del “se non avessimo” è una balla.

    Giulia? ammesso che sia vera la storia, è il solito copiaincolla da facebook che uno qui spaccia per propria storia. Altra falsità tra le tante. Da notare poi l’odio che trasuda da questa giulia, che augura il male a tutti. Io mi vergognerei, anche perchè nessuno le ha fatto né detto nulla di male, prima di qeusta sua lettera di odio.
    E finitela di spacciare per roba vostra le solite catene che viaggiano su facebook

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.