Maiori, eredità contestata, tutti assolti: medico, notaio e testimoni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Erano stati accusati a vario titolo di falso in atto pubblico, circonvenzione d’incapace ed appropriazione indebita. Ieri il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Salerno, Gerardina Romaniello, ha assolto, perché il fatto non sussiste, il medico di Maiori Maurizio Coppola, dirigente dell’Asl Salerno, il notaio Emilia D’Antonio di Angri, e i due collaboratori della professionista dell’Agro, il paganese 58enne F.R. e il 71enne angrese M.R.

A finire nei guai era stato il dottor Coppola che, secondo l’accusa, sarebbe stato aiutato ad intestarsi due appartamenti del valore complessivo di 500mila euro. Gli imputati avevano chiesto di essere giudicati con il rito dell’abbreviato.

Il medico, difeso dell’avvocato penalista del Foro di Salerno Lucio Basco, era stato accusato di truffa ai danni di sua cugina per farsi intestare due case a Maiori.
I due immobili, uno in corso Reginna e l’altro nella parte alta del borgo, all’epoca furono sottoposti a sequestro, dai finanzieri di Salerno in esecuzione di un decreto di sequestro cautelativo, disposto dal Gip del Tribunale di Salerno.

Gravi le accuse sul medico, denunciato e accusato di circonvenzione di incapace e di appropriazione indebita.

Secondo la ricostruzione della Procura di Salerno, all’epoca il medico si sarebbe impossessato dei due immobili approfittando, secondo l’accusa, dello stato di infermità psichica di Maria Riccio.

Il dottor Coppola, assisteva da anni l’anziana zia che, non avendo figli, viveva da sola a Maiori e non aveva altri parenti in grado di accudirla in loco. Questo era già a conoscenza anche della nipote della Riccio, nonché cugina del medico per via di un legame di parentela acquisito per via di un altro ceppo familiare.

Proprio la donna, poi aveva denunciato tutto ed intentato la causa contro i professionisti.

Il notaio D’Antonio e dei suoi collaboratori, curarono la parte testamentaria e per questo erano stati indagati e accusati del delitto di falso in atto pubblico per avere rogato l’atto, nel 2015.

Si attende, nei prossimi giorni, il dissequestro degli immobili.

Fonte Il Vescovado

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. E adesso chi paga i danni, soprattutto d’immagine e morali dei professionisti coinvolti?
    Il PM?
    Vorrei vedere gli sviluppi!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.