Moda Made in Italy e Sostenibilità (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La moda Made in Italy incide per l’1,2% sul PIL nazionale, realizza il 72,2% delle vendite all’estero, occupa una forza lavoro totale di 366mila unità.

Ci sono circa 82mila imprese attive, di cui solo 163 superano i 100 milioni di euro di fatturato, e 15 sfiorano il miliardo.

Insomma, la tipologia di azienda più presente in questo settore è la PMI.

Il nostro è il Paese che ha dato i natali a grandi brand e geniali stilisti e che ha sviluppato un know-how nella manifattura di abbigliamento e scarpe che non ha eguali. Secondo l’ufficio studi di Mediobanca, nel 2018 ha generato 71,7 miliardi di euro di fatturato (+3,4% sul 2017) e raggiungerà gli 80 miliardi nel 2021.

Purtroppo, l’Italia non sta tenendo sufficientemente conto dell’importante trend in atto in ogni settore e anche in ambito fashion, ovvero “la ricerca della sostenibilità”. Oggi il 70% dei buyer lega la sostenibilità ai processi hard (materiali, processi chimici, eccetera) e non al marketing e alla filantropia. Il Post-Coronavirus ha stimolato una nuova consapevolezza etica e ambientale, i valori morali dei brand e l’orgoglio locale saranno i trend per il settore.

Cikis, una startup che ha ideato un processo per aiutare le aziende moda a diventare sostenibili, ha condotto un interessante studio, il quale ha rilevato che il 39% delle PMI della moda ha competenze tecniche minime per mettere in pratica azioni critiche di sostenibilità, questo vuol dire che, allo stato, 6 su 10 ignorano l’argomento.

Dall’analisi emerge infatti che le aziende non investono in competenze specialistiche, ma si affidano al team interno senza adeguata formazione sui temi di sostenibilità o alle proposte dei fornitori. Ciò provoca, ad esempio, che solo il 7% delle aziende intervistate conosca temi come la tracciabilità della filiera, che rappresenta invece uno dei pilastri della sostenibilità, e che solo il 9% citi la tutela dei lavoratori come criticità del settore. Altrettanto sconosciuti sono i temi riguardanti energia e processi chimici lungo la filiera.

I vantaggi della sostenibilità emergono quando il percorso viene intrapreso con serietà e costanza e, oggi più che mai, la stessa è altresì considerata uno degli elementi maggiormente attenzionati per la stima degli standard qualitativi.

Vi è la esigenza di un approccio più scientifico che consenta, fra l’atro, di rispondere meglio alle nuove esigenze del circostante e del mercato e, quindi, alle richieste del consumatore. Investire in sostenibilità, dunque, contribuisce a far accrescere i benefici in ogni direzione per la impresa e, naturalmente, non solo.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.