Salerno: aggredito sul Lungomare equipaggio di un’ambulanza Humanitas

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
14
Stampa
Aggressione ai danni del personale sanitario dell’Humanitas. Dopo le volgarità disegnate su un’ambulanza nei giorni scorsi, stamani un nuovo increscioso episodio per l’associazione del Soccorso di Salerno. A rendere noto quanto accaduto è direttamente il presidente Roberto Schiavone che ha dichiarato:

“In mattinata una nostra ambulanza è intervenuta sul lungomare di Salerno per soccorrere un uomo di colore che aveva accusato un malore. L’equipaggio, composto da autista e due soccorritori, era in coordinamento con la centrale operativa 118 ed in attesa dell’arrivo di altra ambulanza con medico a bordo”.

“Immotivatamente – si legge – un gruppo di cinque stranieri ha cominciato ad inveire ed uno di loro ha sferrato un pugno all’autista, minacciandolo di più gravi conseguenze se non avesse provveduto all’immediato trasporto in ospedale del loro amico. L’equipaggio, alle minacce percependo il pericolo, ha provveduto a trasportare il paziente al Ruggi d’Aragona”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

14 COMMENTI

  1. sono le risorse che devono lavorare nei campi non li toccate !!!!!! sinistri il cancro dell’italia !!!!

  2. Quando si deciderà di sgomberare l’intero lungomare da questa feccia proveniente da luoghi di grande civiltà?!

  3. Immaginate se avessero risposto alle ingiurie e alle percosse…..! Non oso minimamente…..sarebbe venuto giù il mondo….il bicchiere oramai è colmo….! Sempre più schifato da una società che non protegge la propria identità e i proprii valori. Gli italiani non contano più un benemerito…..fino a 99 …però…!

  4. I topi di fogna sono a loro agio nel lerciume.
    Si fosse trattato di bianchi, tutti zitti e mosca.

  5. Ricordo sempre la grancassa mediatica che accompagnava pierino deluchino quando commosso e in pompa magna si precipitava ad accogliere le navi che vomitavano le preziose risorse a centinaia al giorno. Anche le vite dei bianchi autoctoni italiani valgono.

  6. L’equipaggio, alle minacce percependo il pericolo, ha provveduto a trasportare il paziente al Ruggi d’Aragona”. Penso che bisognava avvisare le forze dell’ordine.

  7. Oggi hanno fatto un blitz che ha sgominato un’intera organizzazione criminale a Salerno…ho dato una guardata ai nomi…non ne ho trovato uno straniero…su una quarantina…attendo sdegnati commenti anche lì…

  8. ma vùje stàt’ chìn’ e’ mmèrd’…e v’ lamèmtàt’ c’ànn’ venùt’ dùjè stranièr???

  9. secondo max quindi dobbiamo importare tutti i delinquenti del mondo e giustificare i reati quando sono reati neri, altrimenti sono da condannare. non c é che dire, come discriminatore è al top anzi al max

  10. Non cercare di difendere l’indifendibile. Per me, aggredire un operatore della sanità é peggio di aggredire il presidente. I colori li lascio agli artisti

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.