Piano spiagge libere a Salerno, scontro gestori lidi-Comune: concorrenza sleale

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
E’ polemica per il nuovo piano di gestione delle spiagge libere a Salerno. I titolari dei lidi cittadini sono molto critici – come scrive il quotidiano “Il Mattino” – nei confronti dell’amministrazione comunale di Salerno. Sott’accusa  sono, infatti, le nuove regole su come andare a fare il bagno sugli arenili per rispettare il distanziamento sociale e le normative anti Covid-19: ombrelloni pubblici, nessun ticket d’ingresso e la gestione affidata ai privati che dovranno garantire la sorveglianza e, se vorranno, un servizio di noleggio delle attrezzature. C’è chi lamenta addirittura una sorta di concorrenza sleale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Forse è il caso che i gestori storici dei lidi inizino a prendere in considerazione nuovi modelli di accoglienza più moderni e concorrenziali? Magari offrire le docce calde gratis a chi già paga centinaia di euro per una cabina? Offrire un cocktail di benvenuto quotidiano in spiaggia? Tablet sotto gli ombrelloni per le ordinazioni? Un giro di caffè gratis sotto gli ombrelloni come già succede su una spiaggia libera di Mercatello?
    Sono tutte cose che altrove già fanno da anni.
    Forse, e dico forse, tornerei a prendere una cabina.

  2. Concordo pienamente con i gestori dei lidi. Se la spiaggia è libera perché deve metterci mano delucra. Libera è per chi non vuol pagar niente nemmeno servizi accessori. Il soggetto pubblico dovrebbe limitarsi a controllare le ridicole distanze sociali che non servono a un cazzo. Spiaggia libera no businesd

  3. Basta lidi a pagamento…sole mare e spiaggia sono un diritto di tutti. sono anni che speculate sulle spalle della popolazione, iniziamo ad abolire le cabine che non servono a niente, al massimo dovete avere degli spogliatoi.

  4. Sta cambiando tutto, cari gestori.
    Adeguatevi.
    Non è possibile che abbiate chiesto, per un tesserino, 750 euro.

  5. Concordo con il Sig. Antonio Vuolo, e dico a gestori di stabilimenti privati ” andate a ……”. Hanno dei prezzi assurdi per una città come Salerno con il mare inquinato. Altro che concorrenza sleale, fa bene il Comune.

  6. La slealtà sta nel non applicare la direttiva Bolkenstain e aver reso un bene demaniale come le spiagge un bene di fatto privato e a tempo indeterminato a famiglie che le gestiscono senza uno straccio di bando.

  7. Le spjagge in concessione sono una anomalua tutta italiana. Nel resto del mondo tutte le siagge sono libere. Non deturpade da sovrastrutture. Sulle spiagge si fittano solo i lettini. L obrobrio dei lidi non esiste.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.