Sfruttamento minorile, una piaga aperta (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Istituita il 12 giugno del 2002, dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro, “La Giornata mondiale contro il lavoro minorile” ha l’obiettivo di debellare qualsiasi forma di sfruttamento economico nei confronti dei minori, i quali rappresentano, nella maggior parte dei casi, una preziosissima risorsa economica.

Nelle aree più povere del mondo Il lavoro minorile, infatti, costituisce una sorta di compensazione del reddito familiare a cui sovente si ricorre in situazioni di difficoltà; ma esso non può essere, in nessun modo, considerato la risposta alla fame e alla miseria. Uno sfruttamento che priva i bambini della loro infanzia, della loro dignità e influisce negativamente sul loro sviluppo psico-fisico e non solo.

L’Unicef stima che oltre 150 milioni di bambini tra i 5 e i 14 anni siano coinvolti nel lavoro minorile, per tale ragione chiede un maggiore impegno al fine di eliminare qualsiasi forma di sfruttamento del mondo dell’infanzia.

In alcuni dei Paesi più poveri del mondo un bambino su quattro è intrappolato in una vita di totale privazione del Diritto: l’Africa subsahariana è al primo posto. L’Africa, però, non è il solo continente ad essere coinvolto in quest’orrore che non si arresta e che, anzi, peggiora. L’Asia, la regione del Pacifico, l’America latina e i Caraibi sono solo alcune delle aree nelle quali il fenomeno dilaga. In quei luoghi i bambini vengono impiegati in varie forme di lavoro rischioso, a contatto con sostanze chimiche e pesticidi agricoli o con macchinari pericolosi.

Tra le peggiori forme di lavoro minorile rientra anche il lavoro di strada. Nelle metropoli asiatiche, latino-americane e africane, sempre più spesso, i bambini vengono impiegati per raccogliere rifiuti da riciclare. Un’altra forma di schiavitù orribile è la violenza sui bambini per fini commerciali e sessuali.

Il nostro Paese non è ancora del tutto scevro da una simile problematica e il suo passato non è esente da qualche macchia di vergogna. Lo scrittore, Giovanni Verga, attraverso Rosso Malpelo denunciò la povertà e lo sfruttamento minorile negli anni in cui il Regno d’Italia si era da poco formato. E non erano i tempi di un lontano Medioevo, bensì quelli a cui stava per schiudersi il Novecento.

Da troppe parti, ancora oggi, si affronta la questione con un approccio non adeguato e, in qualche caso, con un distacco prossimo alla indifferenza. Certo, la civiltà del progresso appare ben lungi dalle miniere dei tanti Malpelo, dalle favelas brasiliane, dalle metropoli asiatiche, latino-americane e africane, ma per quanto assorti dalle nostre inquietudini, ahinoi moltiplicatesi nel corso di questi durissimi mesi, tutti dovremmo saper tener desto, almeno, un sentimento di indignazione. Farebbe da pungolo alla umana compassione e, per quanto probabilmente inascoltato, sarebbe un forte richiamo a quelle coscienze troppo offuscate dai cinici calcoli del profitto e del potere globale.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.