Una mazzata da 2000 euro per chi fa un errore con i contanti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
Bisogna stare attenti a non superare i limiti previsti dalla legge. E questo vale anche per i contanti. Dal primo luglio il tetto all’uso delle banconote scende a 1.999.99 euro. L’ultima volta che il governo ha messo mano a questa soglia era il 2016 e a Palazzo Chigi sedeva Matteo Renzi. Ora le cose cambiano di nuovo e bisogna stare attenti con le sanzioni.

Le multe sono salate. Vanno da 2mila a 50mila euro per la parti contraenti e da 3mila a 15mila euro per i professionisti che non fanno le segnalazioni. Questo per operazioni fino a 250mila euro: oltre, i contraenti rischiano una sanzione da 15mila a 250mila euro. Il massimo della sanzione rimarrà fisso a 50mila euro, ma i minimi diminuiranno negli anni.

Se inizialmente questi sono fissati a 3mila euro, da luglio scenderanno a 2mila per poi arrivare fino a mille euro a partire da gennaio 2022. Queste riguarderanno sia chi riceve il denaro, sia chi effettua il pagamento: vale anche per donazioni o prestiti, anche quelli tra familiari. Le multe, così come i limiti, non riguardano però i prelievi o i versamenti sul proprio conto, in quanto non si tratta di un trasferimento di denaro tra soggetti diversi.

Passa quindi da 3mila a 2mila euro l’importo del trasferimento di denaro che configura illecito amministrativo. Per coloro che infrangono i nuovi limiti le sanzioni minime, come abbiamo scritto, scendono da 3mila a 2mila.

Come spiega Italia Oggi, questi sono gli effetti delle modifiche apportate dalla legge di Bilancio 2020. Va segnalato, però, che a fronte dell’abbassamento della sanzione minima, nessuna riduzione è prevista per i destinatari degli obblighi antiriciclaggio, tenuti a segnalare le violazioni e quindi per i professionisti che omettano di comunicare l’infrazione. Per questi, infatti, la sanzione minima rimarrà a 3mila euro.

Insomma, dal primo luglio le cose cambiano. Viene poi prevista una sorta di soglia mobile che verrà ulteriormente abbassata fra 18 mesi. A decorrere dal primo gennaio 2022, il tetto è destinato a calare ulteriormente. Si arriverà alla cifra massima di mille euro. Tornando al tetto dei 2mila, si prevede il divieto di trasferire denaro contante e titoli al portatore in euro o in valuta estera, a qualsiasi titolo fra soggetti diversi, siano esse persone fisiche o giuridiche, quando il valore di trasferimento eguagli o superi la nuova soglia.

Attenzione, i soggetti interessati dalle modifiche possono essere persone fisiche o giuridiche e quindi l’illecito può configurarsi in scambi fra distinte società (con o senza personalità giuridica), soggetti persone fisiche e giuridiche, rapporto fra soci, rapporti fra imprese individuali e società, società appartenenti allo stesso gruppo.

La soglia in questione non può essere superata anche a fronte di un contratto di compravendita di beni e servizi o prestazioni professionali assolutamente lecite, in quanto il trasferimento di 2mila o più euro in contanti in unica soluzione rappresenta un illecito oggettivo.

Nessuna violazione, invece, andrà a configurarsi per l’imprenditore che prelevi utile “ultrasoglia” dalla sua ditta individuale. O conferisca denaro per finanziare la propria attività. In questi casi, infatti, mancherebbe lo scambio di denaro, situazione necessaria a configurare la violazione della legge.

Fonte: Ilgiornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Ma quale errore, fare pagamenti così alti in contanti si chiama lavoro in nero e quindi evasione fiscale!

  2. 12.48 sei fuso, falso. Il contante è moneta LEGALE mettitelo nella tua zucca vuota. SEI TU che mi devi dimostrare che quel contante l’ho avuto in modo illegale, ma la moneta in sé è perfettamente legale. Finiamola con questa storia della moneta elettronica, è proprio quella ad essere il primo veicolo di pagamento in nero!
    Come credi che avvengano i passaggi di milioni di dollari nel mondo? con navi piene di monete o con autotreni di banconote?? finitela con questa scusa idiota del contante=evasione.
    E poi informati sul signoraggio: un ente, banca, Re, che emette moneta guadagna per il solo fatto che quella moneta viene usata!

    Ormai siete solo burattini in mano alla tv. Se io per esempio vado in pensione e ritiro la mia buona uscita da dipendente pubblico, dopo 40 anni, e mi tengo tipo 50000 euro in contanti in casa, secondo te sono un evasore??? ecchecaz non ci arrivate proprio

  3. Scopo dello Stato : renderci schiavi, pezzenti e senza alcuna possibilità di scegliere il proprio futuro.
    E continuate con la museruola, mi raccomando

  4. l’unico neo del Suo ragionamento, Gino, è nell’esempio: purtroppo già da qualche anno non possiamo andare in banca per prelevare tutti i nostri soldi cash…; per il resto anche io nutro seri dubbi sulle limitazioni al contante. Mi spiego, il criminale incallito, (scegliete voi quale a quale setta fare riferimento) , continuerà ad essere criminale. Il colletto bianco che lo affianca continuerà a trovare escamotage per acquisire aziende di produzione e servizi onde consentirgli di fare lavanderia ( per incassare laute e disoneste parcelle…) ma allora, la limitazione al contante, cui prodest? Certamente non giova ai poveri cristi, come me e voi. Il guaio è che molti pappagalli ripetono il “recito” senza alcun timore di ripeterlo.

  5. Max prelievo 50 euro al giorno.
    Così vediamo se professionisti ed artigiani di vario settore (elettricisti.. idraulici. Etc etc) aspettano mesi x incassare 3-4-5 euro per un rifacimento di un impianto.
    Poi trovare altre strategie per i grandi capitali.. ma a me del grande capitale mi frega il giusto.

  6. alessandro ancora non vuoi capire? non ci arrivi proprio?? se io prelievo vuol dire che quei soldi li ho guadagnati già, e il fatto di prelevare noon è dimostrazione di illecito! ma possibile che ancora ci sta gente come te che non ci arriva???
    Le truffe avvengono con la moneta elettronica, con bonifici BANCARI, con triangolazioni, con società fittizie, con speculazioni finanziarie! ancora credete all’evasione italiana dei 50 euro???
    Quindi a te che un colosso paghi il 4% di tasse su un MILIARDO di ricavi invece che il TUO 44%, cioè 40milioni di euro invece che 440 è normale!, LORO evadono circa 400 milioni di euro, e tu stai a fare il “rigoroso” per i 50 euro dell’uomo qualunque?
    Ma state proprio a terra, seriamente..

  7. Caro Gino, i 50.000 euro la tua Società li versa sul tuo conto, Come farai a prelevare e portarteli a casa. RIFLETTI!!!!!!!!!

  8. FRANCO secondo me non hai capito niente di quello che ha detto gino. lui dice che il contante non è sinonimo di evasore, che c’entra quello che dici tu? rifletti tu

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.