Confesercenti: basta con il populismo antimovida a Cava de’ Tirreni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Prendere a pretesto la cosiddetta movida per mera contrapposizione politica o territoriale, per semplice sensazionalismo o, semplicisticamente, accusandola di ogni male della società, è un esercizio di facile populismo che danneggia tanti imprenditori, tantissimi lavoratori, soprattutto giovani, e l’economia di interi territori.

Ora basta. Bisogna avere RISPETTO per gli operatori del settore, soprattutto in un momento come questo, in cui i sacrifici di chi investe e cerca di riaccendere le città, sono enormi e pieni di incognite per i futuro. Piuttosto che cercare di denigrare la concorrenza, facendo sfoggio di un peccato capitale come l’invidia, sarebbe utile, intelligente, vantaggioso, fare squadra e pensare a come promuovere l’intero comparto, fuori dai localismi e ragionando con una visione provinciale.

Tutti gli attori, a cominciare dalla politica, gli Organi dello Stato come la Prefettura e le Forze dell’Ordine, operatori commerciali e dell’informazione, dovrebbero fare sinergia a tutela di un bene comune, invece di puntare il dito gli uni contro gli altri. Nessuno nega le problematiche, che sono annose, prima tra tutte, la carenza di organico delle Forze dell’Ordine e delle Polizie Locali, di Cava de’ Tirreni, in particolare.

Ciò non giustifica, però, che un singolo episodio assurga agli onori delle cronache tanto da definire, genericamente, la movida violenta. Come presidente della Confesercenti di Cava de’ Tirreni e Consigliere della Camera di Commercio di Salerno invito tutti a non continuare a demonizzare un intero settore ogni volta che due idioti di azzuffano in una strada o in una piazza, ma a lavorare tutti insieme per sostenere gli imprenditori del settore e rendere sempre più accogliente e di qualità il “sistema movida”.

Aldo Trezza
Presidente Confesercenti Cava de’Tirreni
Consigliere Camera di Commercio Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. fetenti..inguaiate i nostri figli con alcol e droga per arricchirvi. Abbiate almeno la decenza di stare zitti

  2. Ma per cortesia! Basta ipocrisia! Gli esercenti della movida, non amano la città, non la “riaccendono”. Sono imprenditori e cercano ovviamente il profitto. È normale che sia così. Ma non vengano a fare, loro, i populisti, dicendo che lo fanno per la città.

  3. vendere alcol è un’attività legale
    piuttosto domandatevi perché i vostri figli ne fanno abuso
    saluti e baci

  4. è legale si, ai maggiorenni. Ci si domandi pure perché i figli ne fanno abuso ma coloro che glielo vendono illegalmente, altro che legalmente come dici, non sono molto meglio degli spacciatori.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.