Cppa Italia, Sergio Sylvestre si dimentica le parole dell’inno di Mameli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
La prima coppa assegnata nel post lockdown va al Napoli, che conquista la Coppia Italia allo Stadio Olimpico di Roma deserto contro la Juventus.

Per la prima volta da quando è stato istituito questo torneo, la finale è stata giocata a porte chiuse in un clima surreale al quale, però, dovremmo abituarci anche per il futuro. Prima del calcio d’inizio, come da tradizione, c’è stato il momento solenne dedicato all’inno di Mameli. Ad avere l’onere e l’onore di cantarlo è stato Sergio Sylvestre, cantante della fucina di Amici di Maria De Filippi che in questi anni si è fatto strada nell’ampio panorama musicale. Lo scrive IlGiornale.it

L’inno d’Italia è stata una delle colonne sonore del lockdown del Paese. Dai balconi di tutta Italia, nelle prime settimane della pandemia, le note della canzone di Mameli si diffondevano per le strade e le piazze deserte, riecheggiavano quasi malinconiche nel silenzio assordante delle nostre città.

Ci ha fatto sentire più uniti che mai, almeno in quei giorni, ci ha regalato l’emozione di sentirci orgogliosi di essere italiani, di appartenere a un’unica bandiera. Risentirlo in uno stadio di calcio deserto, prima del minuto di silenzio dedicato alle vittime del Covid, ha certamente suscitato fortissime emozioni. Non c’era nessun tappeto musicale a fare da accompagnamento a Sergio Sylvestre, che ha intonato a cappella le struggenti note dell’inno, rivisto in una chiave pop.

La voce potente del cantante riecheggiava in uno Stadio Olimpico che sembrava ancora più grande di quanto non sia. Non c’erano le voci del pubblico ad accompagnare quella di Sylvestre, non c’erano gli applausi a scandire i tempi. In un clima così, sospeso e suggestivo, probabilmente il cantante non ha retto l’emozione e ha dimenticato le parole dell’inno di Mameli.

Sono stati pochi attimi, un’esitazione comprensibile per Sylvestre, che ha comunque ripreso perfettamente il filo per portare a termine in maniera eccellente la sua esibizione. Quando l’inno suonava dai balconi delle case italiane c’erano i cori, anche i “popopo” che fanno parte di una tradizione folkloristica alla quale difficilmente gli italiani sanno rinunciare.

Una consuetudine non molto apprezzata in alcune circostanze ma che mai come in questo caso sarebbe servita a dare un cenno di normalità. Invece è stato il silenzio l’unico protagonista di questo momento, un silenzio che forse per la sua intensità ha tratto in inganno anche Sergio Sylvestre, probabilmente poco abituato a cantare senza il pubblico, a non avere il supporto della gente attorno a lui.

fonte IlGiornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. uno direbbe che figura di m….,ma la figuraccia e’ aver fatto cantare uno come questo,che dovrebbe solo zappare la terra

  2. Sì, ha toppato, ma basta. Sta diventando una questione di Stato! Ci sono problemi ben più grandi di un cantante che dimentica parole… Sempre pronti a giudicare, ad attaccare, ad offendere. Tutti leoni da tastiera laureati sul web e con cattedra sui Social a dare giudizi e lezioni di vita

  3. Visto e rivisto l”esibizione”, letto e riletto i vari articoli con i vari commenti. ……
    Ma nessuno si è reso conto che si è trattato di un “tetrino” organizzato(male) e preparato nei minimi particolari?
    Lui prodotto della tv (spazzatura), ragazzo di colore con origini non italiane scelto par la finale di coppa Italia;
    in uno stadio vuoto si emoziona,lui che è abituato a stare al centro dell’attenzione (amici,festival)e dimentica le parole?Però ricorda di professare la sua simpatia politica ed il suo messaggio.
    Poi che dire più? A sì, che c’è il raSSismo, che la colpa è di Salvini, che l’itaGlia è un paese STRAfallito, ecc.
    Bella ciao

  4. IGNOBILE…..FINALE DI COPPA ITALIA E INNO CANTATO DA UNO STRANIERO CHE DIMENTICA LE PAROLE MA STRANAMENTE NON IL GESTO POLITICO PER FATTI DEL SUO PAESE….SIAMO UN POPOLO DI MENTECATTI PRONI COME SEMPRE AL PADRONE DI TURNO….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.