Crozza-De Luca: ‘Nell’ampolla di San Gennaro il sangue di Gattuso’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Maurizio Crozza nei panni del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Nella penultima puntata del programma “Fratelli di Crozza”, sul Nove, inevitabile l’ironia sulla partita di Coppa Italia vinta dal Napoli ai rigori, contro la Juve. Crozza-De Luca chiama Ronaldo il “Guglielmo Tell dei rigori,  che da undici metri a occhi chiusi ti centra un palo di dieci centimetri”; mentre dell’allenatore Gattuso dice: “Altro che San Gennaro.

E’ il sangue di Gattuso che deve andare nell’ampolla”. Infine, un messaggio a Salvini per aver criticato le esultanze dei tifosi napoletani non in linea con il protocollo di sicurezza anti Covid

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Provo molta pena per i giornalisti campani e in particolare per i giornalisti salernitani.
    Nessuno di loro, per paura di mettere in pericolo il proprio posto di lavoro, ha il coraggio di dare una risposta seria, decisa ed imparziale a Papino circa i suoi soliti discutibili comportamenti e riguardo alle farneticanti esternazioni opportunistiche ed incoerenti.
    Non vogliono inimicarsi Papino perché potrebbero mancare gli aiutini ai propri datori di lavoro.
    Quindi noi cittadini liberi dobbiamo sorbirci le continue pubblicazioni di servizi falsi e fuorvianti, intrisi di propaganda elettorale, di questo becero giornalismo venduto per quattro soldi.
    Gli ebeti, che invece si bevono tutte le fandonie raccontate da Papino, continuano a sostenerlo a bocca aperta, aspettando il passaggio dell’asino ragliante che vola e l’arrivo degli aiutini sperati e promessi.
    Siamo nelle mani di gentaglia……

  2. come si fa a votare uno che riesce solo ad inveire contro gli altri e non fa una…una sola… proposta politica seria

  3. De Luca, che ha incarnato per 20 e più anni l’anti napoletanismo più spinto e ci ha costruito una carriera sopra forgiando il termine “pulcinellismo”, che è stato più salvinista dei salvinisti perseguendo politiche autoritarie e securitarie è adesso diventato il paladino della napoletanità. Il tutto senza che nessuno in seno alla stampa, soprattutto quella locale, lo abbia richiamato a un minimo di coerenza. Il bello è che i salernitani, che hanno sempre guardato chiunque viva oltre la Molina di Vietri con un misto di diffidenza e ostilità considerandosi “n’ata razza” , da quando il padrone è salito al soglio di palazzo Santa Lucia, si sono improvvisamente scoperti orgogliosamente campani e persino solidali con i cugini partenopei. Tutto ciò mi dà la nausea.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.