Pensioni, arriva la quattordicesima: ecco a chi spetta

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Con il cedolino di luglio arriva una buona notizia per i pensionati italiani: la quattordicesima, ovvero un bonus che viene riconosciuto sia per i pagamenti effettuati alle Poste che a quelli in banca.

E quest’anno i pensionati potranno riceverla già da mercoledì 24 giugno, ovvero quando inizieranno a ritirare – in anticipo rispetto alla data classica di inizio mese – gli assegni alle Poste.

Gli uffici postali, infatti, hanno anticipato in questi mesi i pagamenti degli assegni previdenziali per evitare assembramenti e hanno predisposto un apposito calendario, suddividendo i pensionati per le iniziali del cognome. Chi riceve l’assegno sul suo conto postale se lo vedrà caricare proprio il 24 giugno. Per chi, invece, ritira la pensione in contanti c’è da seguire il calendario predisposto da Poste per il ritiro. Chi, ancora, riceve la pensione in banca dovrà aspettare, come di consueto, il primo luglio. Sia per l’assegno mensile che per la quattordicesima.

Quattordicesima, cos’è e a chi spetta
La quattordicesima consiste in una somma aggiuntiva rispetto alla pensione: viene corrisposta ogni anno a luglio o a dicembre. Per averla non è necessario presentare alcuna domanda: il suo accredito è automatico. Non tutti i pensionati, però, hanno diritto alla quattordicesima: la riceve solamente chi ha almeno 64 anni di età e un reddito che sia non superiore a due volte il trattamento minimo. Per chi compie 64 anni a partire dal primo agosto, ma comunque nell’anno solare in corso, la quattordicesima viene corrisposta non a luglio, ma a dicembre.

Nel caso in cui i requisiti vengano soddisfatti non dal primo gennaio, ma da una data successiva durante l’anno e quindi per un numero di mesi limitati, la cifra viene erogata in proporzione ai mesi in cui effettivamente spetta. Perciò, per chi compie 64 anni il primo luglio, per esempio, la quattordicesima sarà la metà del totale.

La quattordicesima spetta in misura diversa in base al trattamento pensionistico. La prima ipotesi è quella di un pensionato che abbia un trattamento fino a 1,5 volte il minimo: per quest’anno corrisponde alla cifra di 10.043,87 euro. In questo caso l’importo della quattordicesima varia in base agli anni di contributi versati: sono 437 euro per i lavoratori dipendenti con massimo 15 anni di contributi e gli autonomi con massimo 18 anni; sale a 546 per i dipendenti tra i 16 e i 25 anni di contributi e per gli autonomi tra i 19 e i 28; diventa di 655 euro per i dipendenti con più di 25 anni di contributi e 28 per gli autonomi.

Tutti i dettagli su FanPage.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.