Ministro Salute: “Multe e carcere per chi non rispetta la quarantena”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il ministro della Salute Roberto Speranza ha dato mandato all’ufficio legislativo del suo dicastero per verificare il quadro normativo sui trattamenti sanitari obbligatori (Tso). L’obiettivo  e’ quello di studiare una eventuale norma piu’ stringente che riguarda la tutela contro il Covid dopo il caso del focolaio veneto. La verifica tecnica servira’ anche di supporto alle eventuali scelte in questo senso delle autorita’ locali.

Speranza infatti intima massima prudenza e ricorda che il contagio non è affatto battuto: “Il messaggio che arriva dalla lettura dei dati è che il virus circola ancora: finché sarà così, non potremo considerare il pericolo alle spalle. Lavoriamo ogni giorno perché non si torni mai più al livello di sofferenza di marzo.

Per questo, su ogni atto, seguo il principio della massima prudenza” ha dichiarato il ministro della Salute, che ha anche ricordato che esistono già sanzioni e anche il carcere per chiunque non rispetti la quarantena: “Oggi se una persona è positiva e non resta in isolamento ha una sanzione penale da 3 a 18 mesi di carcere.

E c’è una multa fino a 5mila euro” e se da una parte è ritenuto “inaccettabile” quanto accaduto in Veneto, dall’altra Speranza si mostra positivo, visto che la stragrande maggioranza della popolazione ha contribuito ad abbassare la curva del contagio.

“Rispettare le tre regole residue”
E’ sempre il ministro ad percepire che l’attenzione verso il virus a partire dalla fine del lockdown sia decisamente calata, come se il tutto facesse oramai parte del passato, anche se i nuovi focolai dicono il contrario: Speranza ribadisce che attraverso la persuasione sarà possibile convincere di nuovo la popolazione a collaborare per evitare che i numeri risalgano di nuovo, e invita a rispettare le tre “norme” superstiti dal periodo del lockdown, ovvero distanziamento sociale, igiene delle mani e l’utilizzo delle mascherine.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.