Covid, gli esperti: “Se contagi aumentano rischio lockdown per regioni ‘pericolose’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
In Italia si stanno registrando sempre più focolai che destano l’allarme tra gli esperti con il rischio di introdurre nuovamente il lockdown e misure di contenimento più restrittive in alcune aree o Regioni. Chiaramente non tutti i nuovi focolai preoccupano allo stesso modo, ma le autorità sanitarie nazionali e regionali stanno monitorando con attenzione l’andamento e le cause de contagi.

Alcune delle nuove infezioni nella Penisola sembrerebbero essere state causate da persone che sono rientrate in Italia da Paesi esteri, e in particolare quelli extra Schengen.

Nuovi focolai: quali Regioni rischiano il lockdown
La situazione epidemiologica sta migliorando sempre più, tanto che adesso si registrano meno di 15.000 infezioni, tuttavia in alcune Regioni sparse nello Stivale, si sta assistendo alla nascita di nuovi focolai, che se non contenuti adeguatamente potrebbero far imporre una nuova quarantena, proprio come è accaduto in Catalogna e in Germania.

Una delle regioni più colpite è senza dubbio la Toscana, dove sono stati rilevati diversi focolai che sembrerebbero essere stati causati dalla comunità peruviana e cingalese, presente soprattutto nella zona di Firenze, ma anche in piccoli centri della costa. Anche l’Emilia Romagna dove al noto focolaio scoppiato all’interno dello stabilimento di Bartolini, si aggiunge anche quello che ha colpito l’area tra Cervia e Ravenna, dove alcuni braccianti provenienti dal Bangladesh sono risultati positivi al coronavirus.

Nel Lazio, dopo i vari focolai registrati nelle scorse settimane, un inserviente bengalese ha dato il via a una piccola catena di contagi all’interno di un ristorante nella zona di Fiumicino, che sembrerebbe essere stata contenuta.

Nel Nord Italia invece le situazioni più problematiche sono state registrate in Trentino Alto Adige, dove vi è stato un picco di contagi all’interno di una comunità di kosovari a Predazzo, un comune della provincia autonoma di Trento a causa di un uomo che dopo essere rientrato nella Penisola lo scorso 14 giugno non si è sottoposto all’isolamento domestico. Anche in Veneto la situazione è delicata, tanto che il Governatore della Regione, Luca Zaia ha annunciato di voler inasprire le misure di contenimento.

Al Sud invece la situazione sembra essere sotto controllo fatta eccezione per la zona di Mondragone in Campania, dove tutto sommato la situazione è stata tenuta sotto controllo, anche se nelle ultime ore i casi dell’avellinese destano preoccupazione. Nella regione oggi si sono registrati 27 nuovi positivi.

Sulla questione dei nuovi focolai in Italia si è espresso anche il noto virologo dell’Università di Milano, Fabrizio Pregliasco, il quale ha affermato che:

“I numeri e la notizia di tanti piccoli focolai in Italia preoccupano un po’, ma si tratta di una situazione di grande attenzione, non di pericolo. E non abbiamo a che fare con una seconda ondata. Il fatto è che il virus, seppur in modo limitato, continua a circolare ed è fondamentale intercettare e spegnere subito i focolai, mantenendo alta la guardia sui casi importati dall’estero”.

Per limitare quanto più possibile il rischio seconda ondata, per il virologo è necessario potenziare la capacità di tracciamento, senza tuttavia generare allarmi inutili. Secondo l’esperto infatti, in questa fase è normale assistere alla nascita di alcuni casi isolati, tuttavia è ancora importante attuare le misure di prevenzione, come quella dell’obbligo della mascherina.

Fonte Money.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Il lockdown non si farà più perché non serve a nulla, ma soprattutto perché sono finiti i soldi. Ma, ovviamente, in campagna elettorale è giusto continuare con minacce e intimidazioni varie

  2. Si va bene ma ci dovete dire nomi e cognomi di questi famosi esperti perchè quelli che sento io dicono il Contrario, quindi visto che sono cosi esperti dateci nomi e cognomi almeno alla lunga possiamo dire se sono stati bravi o se sono stati incapaci come già si è evidenziato in campo nazionale altrimenti non scrivete queste notizie solo per terrorizzare la gente. mi raccomando , pubblicate.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.