Il virologo Tarro: “Il Covid è moribondo, le mascherine non servono”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Giulio Tarro continua imperterrito a tranquillizzare. Tutto quello che aveva pronosticato, anche nei giorni più cupi del lockdown si è sistematicamente avverato. Sul campo ha confermato l’autorevolezza che tutta una vita di studi, di ricerche e di scoperte, avevano già dimostrato. Lo scrive QuotidianoNapoli.it

L’ultima uscita è di queste ore. Un’intervista concessa a Pierluigi Pietricola sul blog della Fondazione Nenni.

Tarro attacca subito, stuzzicato dall’intervistatore, contestando le dichiarazioni del vicepresidente dell’OMS Ranieri Guerra, secondo il quale il Covid 19 tornerà in autunno e sarà violento quanto il virus della Spagnola: “E’ una colossale stupidaggine. Un asino può fare certi paragoni. Scientificamente sono raffronti insostenibili. Innanzitutto perché ci troviamo a un secolo di distanza dalla pandemia della Spagnola. In secondo luogo perché stiamo parlando di un virus influenzale, cosa che il Sars CoV2 non è.

Inoltre, pensando alla Spagnola, ci sono una serie di altre questioni: intanto le condizioni igienico-sanitarie molto diverse rispetto alle attuali; all’epoca si era alla fine della Prima Guerra Mondiale; in più, la Spagnola colpì i giovani ma non gli anziani, cosa che non è accaduta con il Sars CoV2. Inoltre negli anni compresi fra il 1918 e il 1920 eravamo in era pre-antibiotica”.

Tarro poi spiega perché la Spagnola colpì soprattutto i giovani, a differenza appunto di quanto è accaduto con il Covid: “Scientificamente si parla di “peccato originale”, nel senso che le giovani generazioni di allora non avevano gli anticorpi specifici per combattere quel virus.

Ma questi anticorpi, invece, erano presenti nelle persone anziane in quanto già contrassero la Spagnola. E questo perché mentre i virus influenzali possono tornare ciclicamente (è accaduto anche con l’Asiatica, che già ci fu nel 1890 e quindi prima del 1957), i beta-coronavirus come il Sars CoV2 o muoiono o si regionalizzano. Nel caso della Spagnola, gli anziani tramite plasmaferesi diedero i loro anticorpi per guarire i giovani.

Del resto nel 2009 la Spagnola, che fu un virus influenzale, fece di nuovo la sua comparsa fra noi, solo che venne chiamata influenza suina. Ma se andiamo a guardare la sigla di entrambi i virus – cioè H1N1 – ci accorgiamo che si tratta dello stesso ceppo. E questa è stata la ragione per la quale non ci fu una situazione pandemica di influenza suina: perché era già presente un’estesa immunità fra le persone”.

Ed ancora lo scienziato ribadisce il suo concetto sull’immunità: “Quasi tutti i beta-coronavirus danno luogo ad una immunità di tipo cellulare che è perenne. Tanto è vero che chi ebbe la prima SARS e guarì non ha contratto il Sars CoV2 proprio per tale ragione. E sempre per lo stesso motivo se ne deduce che questo nuovo coronavirus è per gran parte uguale a quello della prima SARS e farà, quindi, la sua stessa fine”.

E poi ancora un’altra stoccata alle autorità scientifiche nazionali e internazionali: “L’Oms è un insieme di contraddizioni. In questa situazione sta facendo una figura davvero indegna, vergognosa. Basti pensare alla questione sull’infettività dei cosiddetti ‘asintomatici’. Nessuno che parli di carica virale, il solo parametro per valutare in modo oggettivo la possibilità di infezione da individuo a individuo”.

E sul concetto di carica virale Tarro aggiunge una precisazione: “E’ inesatto parlare di carica virale di un virus. Bisogna dire, precisamente, carica virale di una popolazione dello stesso virus. Si tratta, per dirla in modo semplice, della quantità di Sars CoV2 – parlando nello specifico – presente. Più Sars CoV2 c’è, più alta è la carica virale e quindi il conseguente numero di infezioni più o meno gravi. Anche l’Istituto Negri, proprio in un recente studio, ha dimostrato che l’attuale carica virale del Sars CoV2 è esigua.

Cosa vuol dire? Che in circolazione non c’è una quantità di virus tale da poter determinare situazioni come quelle di marzo e aprile scorsi. E questo in virtù del periodo di vita programmato che ha, come natura vuole, il Sars CoV2 e anche perché la gran parte delle persone hanno ormai sviluppato gli anticorpi e svilupperanno l’immunità cellulare.

Infine la conclusione alla grande sui test sierologici e sulle previsioni autunnali: “C’è diffidenza fare i test perché il test sierologico da noi è stato organizzato in modo indecente. Non si può mettere in quarantena una persona che risulta positiva alle IgG nell’attesa che le venga fatto il tampone e che escano i risultati di quest’ultimo. È una balordaggine! Anche ammettendo che chi ha sviluppato le IgG abbia un tampone positivo, lo sanno perfino i sassi che il virus rilevato in questo caso è morto e non può essere infettivo per nessuno.

Quanto alla seconda ondata autunnale, ammesso che ci sarà qui e lì qualche caso, non solo in autunno non ci sarà una seconda ondata, ma siccome ormai il Sars CoV2 è praticamente moribondo e sta avviandosi verso la sua fine, rinnovo a tutti l’invito a gettare le mascherine: ormai non servono più. Se le mettano Ricciardi e Guerra”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Si rimane in attesa dei commenti di lecchini vari, covidlovers, restoacasisti vari, smartvuorcher vari e tutti quelli che traggono vantaggio da un’eventuale quanto remota seconda ondata del coronavirus

  2. Il virus sta morendo dice Tarro e allora perchè in Israele, con il caldo che fa, stanno avendo una seconda ondata di contagi?

  3. Ma cosa ha azzeccato questo dall’inizio della pandemia? Forse l’articolo lo ha scritto il figlio o il nipote di questo luminare. Andatevi a leggere il curriculum vitae e quello giudiziario di quest’altro premio Nobel mancato. Solo Runner può andargli dietro a questo qua.

  4. Evvai runner ha salvato il mondo anche oggi, grazie di cuore, ora vai a cagare…

  5. la storia di questa pandemia ci ha insegnato che tra tanti scienziati e virologi nessuno ci ha capito niente dicono tutto il contrario di tutto e i vari politici a seconda della convenienza cavalcano l’onda della pandemia,ma in tutto questo marasma una cosa e’ certa che un nuovo lockdown non lo possiamo piu fare,adesso siamo morti economicamente come nazione,a settembre ci sara’ una ecatombe di licenziamenti e una situazione disastrosa,figurarsi richiudere.

  6. Si scopre che nelle celle frigorifero(mattatoi e salumifici) il Covid 19 ha maggiore possibilità di trasmissione, allo stesso tempo in Brasile, India e in Florida(posti caldi)si hanno migliaia di casi …nessuno ci capisce nulla …ma noi abbiamo Runner e qualche scienziato pazzo che conoscono tutti.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.