Fiadel Salerno: “Stipendi al minimo, lavoratori caserma di Persano pronti a sciopero”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Retribuzioni al minimo, pronti allo sciopero i lavoratori della caserma di Persano. La mobilitazione è stata annunciata nei confronti dell’azienda Ladisa, che insieme all’Althea gestisce il servizio mensa all’interno della struttura per conto del ministero della Difesa. A scatenare il malcontento dei lavoratori, la situazione dei pagamenti, ulteriormente peggiorata con l’emergenza Covid.

«Abbiamo ripetutamente richiesto alla Ladisa, azienda che occupa più dipendenti tra le maestranze di Persano, un incontro sulle problematiche azienda – spiega Angelo Rispoli, segretario provinciale della Fiadel – Siamo in presenza di una violazione contrattuale, con i lavoratori che ricevono retribuzioni da fame e una situazione che si è accentuata a seguito del ricorso alla cassa integrazione per l’emergenza Covid».

«Ormai la situazione è insostenibile, non ci si può trincerare dietro le mura della caserma per violare i diritti dei lavoratori. Abbiamo chiesto un incontro in prefettura per avviare la procedura di raffreddamento dei conflitti».

Appello dunque al Prefetto di Salerno, Francesco Russo, affinché le parti trovino una soluzione condivisa. In alternativa, ci sarà un inasprimento della protesta. «Se non arriva la convocazione, i lavoratori saranno costretti a scioperare e ci dispiace molto per i militari, che avranno sicuramente un enorme disagio».

Comunicato Csa Fiadel Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. verra un giorno non lontano che ne le forze armate ne la polizia avranno i loro stipendi, i lavoratori privati diminuiscono ogni giorno chi paga le tasse? siamo quasi alla fine dell’agonia e questo governo di dementi ancora cazzeggia e il maggiore imputato mattarella per paura che vinca la destra alle elezioni non si decide di sciogliere le camere da questi manigoldi incapaci,poveri noi!!!!!!!!!!!!

  2. la ditta “privata” gli da stipendi da fame, e la colpa di chi e’?….dello Stato…oramai è sempre colpa dello Stato anche se viene a piovere. Rimboccatevi le maniche e rompete il…..a questi imprenditori di m…. piuttosto che sbraitare contro la comunità

  3. Perche se dovesse vincere la destra saremo piu ricchi non farmi ridere ….la destra in Italia sono salvini e la melonessa

  4. Per anonimo ore 13,03
    Invece dall’altra sponda ci sono dei scienziati pronti a salvare la ns economia e Mattarella non li chiama. Bello so stati oltre venti anni al governo e che mi chia hanno fatto.

  5. E invece i “Guerrieri” statali della caserma (vorrei davvero capire che utilità sociale, militare, economica… hanno), senza sbattersi più di tanto, lo stipendiuccio (anzi “stipendione”) lo prendono super regolarmente, a vita, senza fare un C…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.