Coronavirus in risalita in Italia, 233 nuovi casi e 11 morti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
Continuano a salire i casi di Coronavirus in Italia. Stando ai dati diffusi dal ministero della Salute sono 233 i nuovi contagi, il numero totale sale così a 243.967. Le vittime nelle ultime 24 ore sono state 11, portando il totale a 35.028 morti. Rallenta la discesa degli attualmente positivi che rispetto a ieri sono solo 17 in meno (totale 12.473). Preoccupa il boom di casi in Veneto (+55) ed Emilia Romagna (+54). In Lombardia 55 nuovi casi.
Coronavirus, in 24 ore in Italia fatti 50.767 tamponi Nelle ultime 24 ore in Italia sono stati effettuati 50767 tamponi. Il totale dei tamponi effettuati sale pertanto a 6154259. E’ quanto si legge nel bollettino quotidiano della Protezione Civile nazionale. Per quanto riguarda i casi identificati dal sospetto diagnostico, ad  oggi sono complessivamente 222072, mentre quelli identificati da attivita’ di screening, sono 21895.

Basilicata, Molise, Valle d’Aosta, Sardegna e Provincia autonoma di Trento, sono le uniche regioni italiane dove nelle ultime 24 ore non si e’ registrato alcun caso di contagio al Coronavirus. E’ quanto si legge nel bollettino quotidiano della Protezione Civile nazionale.

 

Intanto un nuovo cluster di Covid19 è stato individuato in un ristorante a Savona. Lo ha confermato il governatore Giovanni Toti. “Il cluster comporta un nuovo numero di persone positive – ha detto -. Al momento si tratta di 18 nuovi casi di contagio. Sono stati effettuati 100 tamponi di verifica”.

 

Coronavirus: in cluster Savona pallanuotista Aicardi Secondo quanto appreso, una delle persone che si trovava nel ristorante in cui si sarebbe generato il nuovo cluster di Covid-19 è Matteo Aicardi, il centroboa della Pro Recco e della nazionale di pallanuoto, ricoverato il 15 luglio nell’ospedale di Albenga. E’ un cluster “abbastanza numeroso. I pazienti stanno tutti bene, ma questo conferma che la circolazione del virus c’è ancora”, ha detto Toti.

 

In Italia indice di contagio Rt pari a 1.01 A livello nazionale, si osserva un lieve aumento nel numero di nuovi casi diagnosticati con un indice di trasmissibilità nazionale (Rt) di 1.01. Questo indica che “la trasmissione nel nostro Paese è stata sostanzialmente stazionaria nelle scorse settimane”. Lo rileva il monitoraggio settimanale del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di sanità relativo alla settimana 6-12 luglio.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Praticamente meno dei morti che abbiamo ogni giorno nella sola città di Salerno… solo che parliamo di un Paese di quasi 60 milioni di abitanti… che paura!!! Non dobbiamo uscire di casa fino al 2025… anzi, 2035. Dal 2036 mascherine, guanti, scafandro e distanza sociale di almeno 150-200 metri all’aperto e circa 700-800 metri al chiuso. Dovremmo abbattere intere città per far posto a costruzioni orizzontali lunghe almeno 5-6 km e larghe altrettanto. Il futuro sarà questo. Dopo questa terrificante e tristissima notizia, sarò costretto a restare insonne per anni e versare lacrime per altrettanti anni. Continuate così, il Pulitzer è vicino. Pardon, è già in tasca. Che scoop!!!!! Il New York Times vi fa una …

  2. In realtà i contagi sono 20 in meno di ieri. Dicono in aumento. Mi pare che la matematica non è un opinione. Ma tant’è. Bisogna parlarne sempre e in maniera ossessiva, altrimenti il vaccino chi se lo fa? Hanno speso tanti soldi per cui fate voi il resto…

  3. bravi Antonello e Salvatore, chissà quando arriveranno a capirlo i fessi. Ora quei fessi stanno credendo alla balla dell’emergenza addirittura in India per qualche decina di “casi”! .. l’india… un miliardo e 300 milioni… ogni commento per un sano di mente sarebbe superfluo, ma non per le foche con la AppVitaEterna

  4. Caro, Pino sono troppo stanco mentalmente e fisicamente per sputtanare questi dementi. Non ce la faccio. Reagisco solo quando non ne posso più di sentire stronzate su stronzate su stronzate. Troppe!!! Troppe!!! Mi sembra di sentire lobotomizzati. MENTECATTI. Manco i numeri sanno leggere. Per non parlare di discorsi troppo alti per queste persone con troppi limiti (evidenti) culturali su reale emergenza, vaccini, interessi economici, terapie sbagliate, mancate autopsie, differenza tra mortalità e letalità, oms pagata (inchieste che hanno accertato questo) da big pharma, terrorismo psicologico, false informazioni (pochissimi sanno che autocertificazione mai stata obbligatoria persino in fase 1! Ho studiato tutti i DPCM, ordinanze e decreti legge dove non è previsto da nessuna parte), violazione art 3 ed art 1 del D.L. 19/2020 poi convertito in legge 35/2020 da parte di De luca per mascherine all’aperto… con abuso di potere. Vedi pure dichiarazione del prefetto di Viterbo… ecc ecc. Mi fermo qui. Discorsi aulico per gente ottenebrata da propaganda stile dittatura. Casi in India??? Dobbiamo spiegare, caro Pino, a ‘sti dementi che dovrebbero tacere il numero dei casi accertati in senso assoluto e relativo… e poi in percentuale sulla popolazione indiana??? E poi contagiato non significa malato destinato a morte certa entro 12 ore… troppo stanco per discutere di banalità. Troppo.

  5. Antonello, è vero, ma bisogna provarci, ne va della Libertà e del rispetto della Costituzione.. ma concordo, è realmente difficile discutere con gli stupidi.. anche perchè a tutti gli argomenti che di volta in volta elenchiamo, loro non sanno cosa rispondere se non le solite due parole sentite in tv a mo’ di slogan. Anche io mi mantengo sempre a un livello più basso, senza entrare troppo nel merito di questioni tecniche o articoli in tante altre lingue che leggo.. ma anche così gli stupidi abbondano, non hanno alcuna curiosità di andare perlomeno a verificare le cose che scriviamo.. E’ dura, ma bisogna resistere finché possibile!
    Nella vita quotidiana vedo luci e ombre, oggi per esempio ho incontrato varie persone decisamente consapevoli di questa messinscena, ma ne ho trovate pure tante ancora mascherate, in giro, e pure da soli in auto.. che tristezza che provo per loro e i loro cervelli annebbiati.. Magari moriranno di cancro perchè le loro cure sono state rinviate, ma sono contenti di non morire (anzi semplicemente risultare “positivi”) di covid… Davvero triste

  6. Caro Pino, perfettamente d’accordo con te. Su tutto. La cosa che mi fa più rabbia? Parlare senza avere un briciolo di approfondimento alle spalle. Studio. Curiosità culturale. Nella scienza, come in tutti i campi delle attività umane, vige il dibattito ed il confronto dei dati. Numeri e via discorrendo. Nel passato vi sono stati casi eclatanti di errori perché il metodo era sbagliato. Ma alla base deve esserci un minimo di studio ed approfondimento oltre alla curiosità culturale che ci fa andare avanti e mettere in discussioni “teorie” che pensavamo inamovibili. Qui di che parlano? E su cosa parlano? Slogan????? Pensiero unico di Stato senza porsi domande? Quello che sanno dire: si muore, i morti si contano a migliaia. Qui, negli Stati Uniti ecc ecc. Basta questo??? Vorrei dire a questi signori, caro Pino, che qualche giornale lo leggo pure io e so cosa scrivono… insomma, ci vorrebbe un minimo di spirito critico e raziocinio. Sconfortato. Sconfortato sul serio. Sulle mascherine all’aperto ancora oggi stendiamo un velo pietoso… fanno male, non servono ecc ecc. Senza poi contare la doppia violazione di legge del caro De Luca. Detto mille volte in questi post: violazione art. 3 ed art 1 del D.L. 19/2020 poi convertito in legge 35/2020. Oltre all’abuso di potere… qualcuno di loro ha avuto la curiosità di leggere il decreto da me citato??? No, caro Pino, si muore!!! Si muore santiddio. A milioni!!!! A miliardi. Sconfortato. Senza forze. P.S. mascherine ancora all’aperto… che pena. Una volta stavo per andare da un papà con figlioletto di manco 3 anni con mascherina fino agli occhi. A 30 gradi… poi ho desistito. Avrei dovuto chiamare il telefono azzurro ma qui sono tutti pazzi. Esistono i lobotomizzati ma i bambini non possono difendersi dalla stupidità dei loro genitori. Un caro saluto.

  7. esattamente, Antonello.. non immagini la rabbia nel vedere bambini con meno di 10 anni che dovrebbero giocare, ridere, gridare e pure farsi male correndo, infasciati con quelle museruole fino agli occhi… mi fa rabbia, davvero toglierei quei bambini a quei genitori, per manifesta imbecillità e incapacità. Anche perchè pure la “legge” consente, e ha sempre consentito, ai bambini di non mettersi la museruola.. quindi sono delle inutili imposizioni di genitori ignoranti, una vera e propria violenza sui minori. Minori che di fatto sono immuni a questa specie di virus..
    Ho visto addirittura bambini di 5-6 anni in bicicletta coi genitori e mascherati… roba da crimine contro l’umanità, e tutto per la bellezza di 153 morti si solo covid in tutto in italia da gennaio..
    Ma dove vogliamo andare? hanno inculcato nelle menti bacate di certa gente il concetto del malato asintomatico! Una FARSA colossale che volendo potrebbero non far finire MAI PIU.. e i cretini non lo capiscono..
    In qualunque momento, per qualunque persona, potranno dire “tu sei malato asintomatico”! hai voglia a dire “ma io non ho nulla, non mi sento nulla, sto benissimo”.. non conta! conta il risultato del test fasullo, fasullo sia il tampone sia il sierologico, per diretta ammissione del produttore, del creatore e nel caso del sierologico basta chiedere a qualunque biologo..
    Il test IGG-IGM è da sempre esistito e NON è in alcun modo vincolato al SOLO covid.

    A inizio Aprile Focus titolava “COVID-19: come funzionano i test degli anticorpi. [..] Come funzionano? Sono utili e affidabili? Per il momento NON completamente.” e poi ” Quindi non è ben chiaro quale sia il tipo di test migliore da usare: esistono già molti kit ma nessuno è validato, sono possibili risultati variabili, la sensibilità non è sempre eccellente.”

    Basterà per i dementi mascherati?

  8. No, Pino. Non basterà. Il virus ha infettato le menti già in equilibrio precario di questi dementi. Sono davvero sconfortato… mi sembrano zombie. Cerchi di far ragi are qualcuno e, magari, ci riesci pure. Ma poi ne arrivano altri 100. Poi mille. Siamo circondati. Circondati. La propaganda ha saputo fare il suo lavoro. L’ha fatto benissimo, a vedere i risultati. Ci è riuscita benissimo. Per 2 motivi essenziali: hanno mezzi ed hanno vita facile su chi non esercita più lo spirito critico ed il libero pensiero. Per anonimo ed altri come lui esistono solo i dati “ufficiali” dei media mainstream. Quindi, secondo anonimo io, te ed altri non leggiamo i giornali o vediamo qualche dibattito televisivo… non sappiamo che i numeri “ufficiali” parlano di 40 mila morti in Italia e circa 500 o 600 mila nel mondo. Numeri “ufficiali”… ma si chiede qualcosa di più ad una persona adulta… capire quei numeri, capire se siano veri o siano sballati. Capire cosa c’è dietro questo terrorismo da propaganda delle dittature del secolo scorso. Capire dati, grafici. Capire come sono morti. Perché. Quali siano i numeri reali. Capire gli interessi in gioco. Capire come sia stato possibile azzerare i diritti costituzionali. Perché si è ingigantito il tutto con una martellante informazione del terrore. Elicotteri e droni. Capire come sia stato possibile far passare come legittime e previste per legge autocertificazioni che non invece non sono state previste in alcun DPCM o legge o ordinanza. L’ipocrisia dietro i morti e la retorica. Perché non parlare anche degli 80 mila morti per polveri sottili in Italia? E la terra dei fuochi? Perché non fare il bollettino quotidiano del terrore anche per i morti che ci sono negli ospedali ogni anno? Perché dare risalto ai 15 contagiati in Campania? Ai 200 morti in Italia per coronavirus? Sono reali? E poi perché non parlare della terapia del plasma? Perche non fare un dibattito serio suo vaccini? No, nulla di tutto questo. Potrei continuare a lungo. Molto a lungo… molto. Ma anonimo e suoi simili andrebbero in totale confusione, i neuroni dopo tutte queste legittime domande rischiano di bruciarsi. Lui e gli altri come lui hanno già troppa difficoltà a capire che i morti non sono 40 mila in Italia… ora che diamo pure queste notizie impazzisce. Non è in grado. Limiti culturali evidentissimi. Ma parla… parla… parla… del niente. Sul niente. Della Salernitana, di come deve affrontare la prossima trasferta. Lo striscione che deve sventolare sugli spalti. Quindi, taccio. Riguardo alle tue considerazioni come non essere d’accordo con te? Crimini contro l”‘umanità… genitori plagiati e con pochissimi mezzi culturali. Test: vero ancora una volta quello che dici. Ma vorresti spiegare queste cose ad anonimo o a quell’altro che parla sempre di asini che tagliano??? No, non farlo. Saresti perdente in partenza. Per carità. 🙂 🙂 🙂 un caro saluto.

  9. Antonello: esattamente .. e proprio i morti per cause iatrogene (per gli anonimi buzzurri, sono i morti A CAUSA di cure sbagliate o malattie contratte in ospedale) sono 49000 all’anno, 15000 in più del presunto covid.. ma non c’è una campagna martellante che possa dare conforto a quei morti.. e i babbei anonimi non capiscono..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.