La distanza abissale tra realtà e populismo (di G. Fauceglia)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
Proverò a svolgere un ragionamento sulla vicenda Autostrade, semplificando e tenendo conto delle difficoltà tecniche che necessariamente l’argomento impone.

Il giorno stesso della tragica vicenda del Ponte Morandi a Genova (per la quale vanno accertate le responsabilità e puniti i responsabili), il Movimento 5stelle, invece di preoccuparsi del dolore delle vittime e delle urgenze della ricostruzione, individuò immediatamente nei Benetton “i colpevoli” da sottoporre al pubblico ludibrio.

Non vi era stato alcun esame della complessa documentazione relativa alla concessione della rete autostradale né un pur minimo approfondimento sulle cause del disastro e sulla loro imputabilità. Si trattava solo di utilizzare l’evento per dimostrare la (presunta) diversità del Movimento rispetto alla altre forze politiche, e il Ministro Toninelli fu l’esempio vivente di questa vera e propria furia iconoclasta.

Già i primi e più avveduti commentatori rilevarono, però, che la pretesa di commissionare la Società Autostrade per l’ Italia o, più semplicemente, di revocare la concessione, non solo si presentava in contrasto con le norme contrattuali e con l’ordinamento giuridico, ma avrebbe comportato un risarcimento per lo Stato (e, dunque, per i cittadini) di decine di miliardi di euro.

Questa circostanza, più di recente, è stata confermata da un parere dell’Avvocatura dello Stato, secondo cui la valutazione dei rischi di una possibile revoca avrebbe superato di circa 22 miliardi di euro, la somma richiedibile ad Autostrade per l’indennizzo. Ciò nonostante, le trombe propagandistiche del Movimento, sorrette dal suo noto organo di stampa, continuavano a tuonare per la revoca della concessione e per l’estromissione ex lege della Famiglia Benetton dalla società.

Si trattava, con tutta evidenza, solo di propaganda, poiché – colpevolmente o inconsapevolmente – non si teneva conto delle enormi conseguenze finanziarie per le società private coinvolte nella gestione della rete, dell’azzeramento del valore delle azioni nelle mani di piccoli azionisti, dell’impatto tremendo sul mercato del lavoro con i conseguenti licenziamenti, del rilevantissimo danno che i soggetti coinvolti  nella vicenda (in primis, la Holding Atlantia) avrebbero potuto pretendere dallo Stato.

Ciò nonostante, la eterna campagna pubblicitaria non si arrestava, sino a giungere alle decisioni dei giorni scorsi, con le quali, con una prevedibile attitudine al compromesso (cosa si fa pur di mantenere il potere e non far cadere il governo !!) e una giravolta della pseudo-cultura populista, le ancelle del rigore hanno abbandonato il rigore promesso al variegato complesso sociologico che li sostiene.

Il risultato è che non vi è stata alcuna revoca della concessione, che tra l’altro avrebbe posto l’Italia fuori da ogni regola e che l’avrebbe definitivamente esclusa dagli investimenti stranieri. I Benetton sono fuori, o meglio è loro concessa una posizione di minoranza, in Autostrade per l’Italia; lo Stato, tramite Cassa Depositi e Prestiti (cioè, il risparmio degli italiani) compra i “debiti” e le quote della famiglia veneta, quest’ultima realizza in Borsa un insperato profitto e mantiene sostanzialmente il controllo di Atlantia, cioè la holding di controllo di Autostrade.

Il risultato è che è schizzato alle stelle il valore delle azioni di Autostrade e di Atlantia, con ulteriore vantaggio di chi doveva essere messo  alla porta, che ha, invece, guadagnato sul mercato quanto le parole in libertà aveva messo in discussione. In sostanza, la famiglia Benetton, che si è così tolta un problema, incasserà quanto risulterà dalla vendita delle azioni di Autostrade agli “amici” di Cassa Depositi e Prestiti, e quando Aspi, nel futuro, sarà quotata nel mercato borsistico potrà collocare ad un prezzo molto conveniente le azioni ancora in suo possesso.

Una vera e propria eterogenesi dei fini.  Continua così una storia che trova la propria origine già nella privatizzazione delle telecomunicazioni pubbliche con l’ingresso di Colaninno & C e in tante altre vicende italiane, dove con i soldi pubblici sono stati favoriti disegni finalizzati alla mera speculazione, piuttosto che alla tutela degli investimenti e dei consumatori.

Il disegno rovinoso che sottende queste opzioni è quello di utilizzare il risparmio degli italiani, che confluisce nel patrimonio di Cassa Depositi e Prestiti, per operazioni definite “ponte”, ma che in realtà preparano solo speculazioni private, come già si è visto quando è stato dilapidato l’enorme patrimonio della grande IRI. Il partito delle partecipazioni statali, così come è già avvenuto per Terna e per Eni, è così definitivamente nelle mani del Movimento, che nomina ai vertici amici e compagni di scuola, a volte più inconsapevoli di chi li ha nominati.

Giuseppe Fauceglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. …”avrebbe comportato un risarcimento per lo Stato (e, dunque, per i cittadini) di decine di miliardi di euro.
    Questa circostanza, più di recente, è stata confermata da un parere dell’Avvocatura dello Stato, secondo cui la valutazione dei rischi di una possibile revoca avrebbe superato di circa 22 miliardi di euro, la somma richiedibile ad Autostrade per l’indennizzo. Ciò nonostante, le trombe propagandistiche ..sorrette dal suo noto organo di stampa”… bla bla bla, a questo punto non comprendo tanta generosità per cui alla fine i Benetton hanno rinunciato a tanto malloppo sicuro di decine di miliardi, confortato dal parere dell’avvocatura, e da intascare a scapito degli italiani

  2. Ch.mo Professore…come sempre lucido, sintetico e chiaro…spero che gli italiani capiscano definitivamente che i cinque stelle il PD e compagnia cantando considerano gli italiani tutti…ma veramente tutti ….il loro bancomat preferito per finanziare la loro pessima amministrazione della cosa pubblica…dilapidando il risparmio degli italiani…il tutto aggravato da un governo al cui vertice sta uno che è a digiuno di tutto .. veramente e che se ci fossero le elezioni oggi ( da fare ad horas) non avrebbe nessuna fiducia parlamentare

  3. Come al solito ottima analisi, condivisibile ma stavolta mi permetto di dire che andrebbe ampliata. Non mi paragono al suo livello intellettuale ci mancherebbe, soltanto penso che le ragioni di tale sconquasso politico siano più antiche, il populismo è l’espressione di una società che sta male e che ha voglia di cambiare ma che non sa come farlo. La colpa è nostra che da giovani votavamo sempre il partito della pagnotta “DC”, ed allora che eravamo giovani, forti ed intelligenti dovevamo imporci per cambiare la politica di questo Paese, invece ci siamo mangiati la pagnotta, rimanendo i nostri figli senza cibo.
    Complimenti per i suoi post.

  4. Un pensiero per le vittime del crollo, mi sembra doveroso.
    Non confondiamo la fortuna che abbiamo avuto, con malcelata superiorità !

  5. Capisco il senso della realtà, ma onestamente, davanti al crollo di un ponte di cui da decenni veniva segnalata la pericolosità, pure io che non sono populista pensai che chi lo gestiva avrebbe largamente meritato l’estromissione. Mi auguro che quando firmeremo i prossimi contratti con questi soggetti scriveremo ben chiaro che in casi di tragedie come questa si perde il diritto anche a parlare.

  6. Quando tu capirai qualcosa di politica economica, la Salernitana avrà vinto la Champions League

  7. X anonimo, veramente io conosco economia politica… e quando l’ho studiato a giurisprudenza l’esame era scritto e poi chi superava orale. Politica economica mai sentito come esame, forse ad economia e commercio?!

  8. L’analisi del prof Fauceglia è puntuale,lucida, ma si base su fondamenti errati vediamo di chiarirci:
    E assurdo morire per un ponte che crolla, ed è ancora più assurdo, correre ai ripari , attraverso manutenzioni ed interventi straordinari, che nel 2018, balzarono agli onori della cronaca. Della serie intervengo quando ci scappa il morto.
    Mi se deve sempre spiegare, come mai nel 2008, fu prolungata la concessione per la gestione delle autostrade, , senza le dovute verifiche, come richiesto allora dal PD. A quell’epoca vi era al governo il centrodestra con Berlusconi e Salvini.
    Sulle responsabilità l’indagine è ancora in corso , per la guardia di Finanza di Genova, si parla di relazioni edulcorate sullo stato dei viadotti controllati.
    Bisognava dare prof Fauceglia un segnale, come richiesto dai familiari delle vittime, non è accanimento…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.