Salerno: Artisti in campo per salvare il “Giardino della Minerva”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Nella zona alta del centro storico di Salerno, conosciuta con il suo nome medievale “Plaium montis”, sorge “Il Giardino della Minerva, il “viridario” che, sin dal XII secolo fu della famiglia Silvatico e dove nel primo ventennio del 1300, Matteo, realizzò l’antesignano di tutti i futuri Orti Botanici d’Europa, il “Giardino dei semplici”, intitolato per la precisione Opus pandectarum medicinae.

Ora questo luogo ricco di fascino e storia, considerato uno dei 10 giardini più belli d’Italia, rischia di chiudere per mancanza di visitatori. La pandemia che ha colpito l’Italia dallo scorso mese di febbraio, e poi il resto dell’Europa e del Mondo, ha ovviamente bloccato gli spostamenti dei turisti.

E proprio la grande assenza di turisti in città, ha messo in ginocchio chi da anni gestisce la struttura, che conta ben 14 dipendenti e che senza l’aiuto di privati e istituzioni rischia di chiudere definitivamente… Lo scrive Le Cronache oggi in edicola

“Abbiamo avuto nel primo trimestre di quest’anno – spiega il direttore del Giardino della Minerva, Luciano Mauro a le Cronache, un calo del 92% dei visitatori. Attualmente, rispetto ai mesi di giugno e luglio dello scorso anno, registriamo solo un 1/3 delle presenze. La nostra è una struttura che si mantiene con i biglietti d’ingresso.

E non è solo la mancanza dei turisti che ci ha creato questi problemi economici, ma anche l’assenza delle scuole. All’interno del giardino noi svolgiamo diverse attività didattiche rivolte alle scolaresche, che numerose ci venivano a trovare da marzo a maggio. Purtroppo anche questa importantissima fonte di entrate economiche è andata persa, aggravando ancor di più la nostra situazione”.

Tenere aperto il Giardino della Minerva costa mensilmente tra i 5mila e i 6mila euro circa. Per recuperare fondi organizzata una raccolta fondi all’Arena del Mare, lunedì 20.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Vi prego governatore e sindaco, non fate chiudere questo ns vanti. Meno soldi alle movide e più soldi alla Cultura, grazie di quello che farete.

  2. Ma scusate il Governatore per voi non ha riservato nulla come aiuti? Siete un’associazione o cosa? E poi il 20 Luglio ci sarà una raccolta fondi… e allora di che lagnarsi. Piuttosto eliminate le figure costose, Direttore, vice direttori e quant’altro… A tutti mancano i turisti, io ho un B&B non in forma imprenditoriale, quindi senza p.Iva. La regione x me NON HA DATO NULLA, ma con la mia volontà e caparbietà sto lavorando un pochino, almeno x pagare le spese mensile. La cosa bella è che NON devo ringraziare nessuno. La vita é bella….

  3. … ma, il Comune ha l’obbligo di manutenzione. Giustamente, dopo che “lui” ci ha indebitati per le prossime 10 generazioni… dove caxxo si trovano i soldini in mezzo a tutti questi sprechi?!?!?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.