Monopattini elettrici: boom di vendite in Italia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
È boom delle vendite di monopattini elettrici Secondo le ultime rilevazioni esaminando le vendite e-commerce, nella prima metà dell’anno il numero di questi piccoli veicoli venduti è quintuplicato rispetto allo stesso periodo del 2018, proponendo un’ottantina di modelli, omologati per la circolazione stradale. Chi viaggia sulle strade senza campanello, fanali anteriori e posteriori e freni su entrambe le ruote potrebbe essere multato. Le cifre di vendita dimostrano che gli e-scooter sono particolarmente in voga tra gli uomini: solo 13 acquirenti su 100 sono donne. Anche la suddivisione delle classi di età parla da sé: un acquirente su tre ha fra i 30 e i 39 anni, uno su quattro tra i 20 e i 29 anni e uno su cinque tra i 40 e i 49 anni. Dunque, il tipico proprietario di un e-scooter in Italia è un trentenne di sesso maschile. Come noto non tutti fanno i salti di gioia per la forte diffusione di monopattini: in diverse città mondiali la loro proliferazione ha portato a seri problemi.I pedoni si sentono spesso minacciati da chi circola sui marciapiedi o nelle zone pedonali e forti perplessità solleva anche l’impatto ambientale di questi mezzi oltre a non essere soggetti all’obbligo dell’assicurazione RC. Infatti i monopattini elettrici sono stati equiparati dalla legge alle biciclette. Basta salire, accelerare e sterzare. Tuttavia i monopattini elettrici sono molto più pericolosi dal punto di vista del rischio incidenti. Lo rivela uno studio condotto negli Usa e pubblicato da JAMA Surgery, secondo cui sono gli infortuni alla testa quelli più comuni con il monopattino. I ricercatori dell’università di San Francisco hanno analizzato i ricoveri in pronto soccorso per incidenti dovuti agli scooter tra il 2014 e il 2018, confrontando poi i numeri ottenuti con quelli dei traumi dovuti alla bicicletta negli stessi anni. Nel periodo considerato, spiegano gli autori, il numero totale di incidenti relativi ai monopattini è cresciuto del 222%, e quello dei ricoveri del 315%.Dal confronto fra i due mezzi è emerso che quasi un terzo degli utenti dei monopattini ha avuto un trauma alla testa, il cui rischio è triplo rispetto a quello dovuto alla bicicletta. Nel 2018 circa un terzo degli incidenti sugli ‘e-scooter’ è capitato a donne, e la fascia di età più rappresentata è quella tra 18 e 34 anni. Diversi studi, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, hanno dimostrato che indossare un casco riduce il rischio di traumi. Per tale ragione raccomandiamo di indossarlo e invitiamo anche i produttori dei monopattini a incoraggiarne l’uso.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Basta googlare “monopattino/scooter elettrico italiano”.

    Lo so, sono troppo intelligente (non quanto runner).

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.