Secondo volume della collana Lib(E)ro della casa editrice EdiSud Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La collana Lib(E)ro della casa editrice EdiSud Salerno si arricchisce con il secondo volume appena pubblicato in formato cartaceo. Si tratta di “Mater Familias” di Tina Wiquel, un saggio storico che condensa la voce di circa un migliaio di donne che, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, con la loro presunta dimenticata presenza, diedero vita al moderno sistema di assistenza post-unitario.

Donne e madri del Serraglio (Albergo dei Poveri) che hanno combattuto nel silenzio della carta, sullo sfondo di una Città come Napoli così fluida e attenta ai cambiamenti e abituata alle ri-scoperte.

Dopo aver raggiunto il traguardo delle trenta copie vendute in formato digitale sul sito www.edisud.it, la neo-autrice della storica casa editrice salernitana vede, così, realizzarsi il sogno di stringere tra le mani il proprio libro.

Difatti, con Lib(E)ro di EdiSud Salerno, il libro nasce completamente a costo zero per gli autori che partecipano. Le spese per l’impaginazione e per la stampa sono a carico della casa editrice che promuove l’innovativo progetto editoriale per avvicinare, in particolare, i più giovani al mondo della cultura e, nello specifico, a quello della lettura e della scrittura.

L’innovativa collana è un’idea maturata durante la fase acuta della pandemia da Covid-19 per consentire, a quanti fossero interessati, di avere la loro occasione per intraprendere la propria avventura editoriale. «Ringrazio la EdiSud Salerno che, con la collana Lib(e)ro, mi ha dato la possibilità di questa riemersione», commenta Tina Wiquel sottolineando che «la casa editrice, con entusiasmo e professionalità, ha accolto la mia sfida, ha colto la peculiarità di un progetto e gli ha dato vita.

E ringrazio anche Libera D’Angelo per aver curato brillantemente la prefazione». Quanto a “Mater Familias”, l’autrice spiega che è «un saggio che attraversa la vita vissuta delle donne. Donne che hanno combattuto nel silenzio della carta e dell’inchiostro degli archivi, che il tempo credeva di aver reso illeggibile, sullo sfondo di una città come Napoli, così fluida e attenta ai cambiamenti e abituata alle ri-scoperte, che può nascondere ma restituisce sempre, come la storia ci ha insegnato».

La direttrice della collana Lib(E)ro di EdiSud Salerno, Pina Stella Caiazzo, si dice «orgogliosa e felice di poter vedere nelle librerie questo secondo volume».

E, perciò, rammenta le modalità di partecipazione: «Basta inviare una e-mail all’indirizzo info@edisud.it. Nell’oggetto, gli aspiranti scrittori dovranno scrivere che si tratta di una proposta per la collana Lib(E)ro; nel corpo del messaggio, poi, i dati anagrafici, un recapito telefonico dell’autore, una breve biografia e una sintetica descrizione dell’opera. Ovviamente, in allegato, deve esserci il manoscritto in formato Word. Tutti riceveranno, da noi, una risposta».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.