Covid e Lombardia, De Luca: “Vergognoso sciacallaggio su banale osservazione”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa

“Salvini? Credo di non dover rispondere nulla a questo soggetto. Trovo vergognoso quello che è stato fatto nella giornata di oggi: mi è capitato di dire a Sapri una cosa banale, che in alcune realtà d’Italia sono stati presi dei provvedimenti con qualche ritardo. Sono riusciti a fare una speculazione vergognosa, indegna, sciacallesca sulla base di una banalissima osservazione oggettiva”. Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, sulle polemiche scatenate dalla sua frase “Milano non si ferma, poi si è fermata a contare i morti” pronunciata ieri a Sapri (Salerno) e sul commento del leader della Lega Matteo Salvini, secondo cui sono frasi che “fanno schifo”.

Secondo De Luca “si devono vergognare quelli che fanno sciacallaggio sul nulla, senza neanche leggere o ascoltare le cose dette. E’ doppiamente vergognoso quello che è stato fatto perché se c’è una regione che ha espresso sempre posizioni di rispetto e solidarietà nei confronti delle regioni più colpite è la Campania, se c’è una regione che ha messo a disposizione di Milano e della Lombardia 20 posti letto di terapia intensiva è la Campania. Sfido a trovare un momento nel quale non si sia espressa da parte nostra solidarietà. Sono veramente degli sciacalli quelli che hanno messo in piedi sul nulla un tentativo di speculazione”.

De Luca ribadisce che “non c’è alcuna contrapposizione Nord-Sud, la contrapposizione è contro lo sciacallaggio di chi fa finta di inventarsi polemiche e scandali sul nulla e c’è una parte del sistema informativo che è più interessato ai pettegolezzi e alle scemenze che alle cose serie. Sono rimasto disgustato quando ho visto qualche titolo stamattina, il mondo dell’informazione dovrebbe finirla di avere una propensione al pettegolezzo.

Se parlo con Vespa in maniera sciolta e faccio una battuta scherzosa, se abbiamo degli imbecilli che trasformano battute scherzose in dichiarazioni di Stato non è un problema mio, è un problema di un settore dell’informazione che è malato di pettegolite, di orientamento alle scemenze. Chi fa queste stupidaggini e questo sciacallaggio sono gli stessi che non hanno detto una parola rispetto al piano socio-economico della Regione Campania che ha investito 1 miliardo di euro, la più grande operazione sociale fatta in Italia”.

De Luca ha rinnovato “la solidarietà ai concittadini della Lombardia e di Milano, poi – ha concluso – i dati sono i dati e sono stati rilevati da tutti. E” stato il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, che è persona di grande qualità e intellettualmente onesta, a riconoscere che c’era stato qualche ritardo e qualche sottovalutazione. Gori, non De Luca. Dovrebbe vergognarsi chi inventa sciacallaggio e scandali dove non ci sono”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Premessa, purtroppo non vado a votare da 10anni perché non mi sento rappresentato da nessuno,ma stavolta De Luca non ha ragione ma “straragione”…!Polemica fondata sul nulla, anzi fondata sul un dato oggettivo, perché è successo realmente… Saluti…!

  2. Quanto spazio date a questo cafone. Dovrebbe imparare a moderare le parole prima di parlare. Quando parla lui tutto va bene e si offende se lo bacchettano, poi gli altri devono stare zitti altrimenti sono dei cialtroni. Cialtrone è lui. Spero che si becchi una bella querela quando offende le persone.

  3. le polemiche contro salvini, lombardia, ed altro servono soltanto a far dimenticare , ai fessi che ci cascano, i veri problemi della campania, sanità,rifiuti, inchieste giudiziarie, e cos’ via questi sono i veri guai ai quali nessuno vuole prendere una decisione

  4. Se è lui ad offendere, bisogna incassare e basta, se però qualcuno prova a risentirsi, apriti cielo: sciacallaggio e speculazione vergognosa, insomma gira la frittata sempre a modo suo. Veramente INSOPPORTABILE.

  5. De luca p troppo cafone e arrogante deve imparare a rispettare gli avversari politici è difficile per un comunista ma deve sforzarsi !!!!

  6. Concordo in pieno con Michele…la campagna social di fine Febbraio contro la paura del Covid, “Milano non si ferma”, è stata ideata da Sala…non è certo una nostra invenzione!

  7. ecco le foche con memoria corta, michele e francesca per esempio: e cosa faceva Zingaretti a febbraio??! io ricordo che abbracciava e baciava cinesi e mangiava tranquillamente dicendo che il virus non esisteva! idem il pessimo burloni.
    Certo che state proprio plagiati al massimo, memoria e spirito critico zero

  8. Purtroppo il comico quando si rende conto di averla fatta fuori dal vaso cerca, in maniera patetica, di arrampicarsi sugli specchi.
    Butta fango su tutti e non pensa a tutte le magagne perpetuate negli anni passati.
    Predica bene e razzola malissimo.
    E gli ebeti parassiti che lo sostengono ancora……
    Che grandissima latrina…..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.