Emergenza cinghiali: Corte Costituzionale autorizza agricoltori a difendersi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa

Con una storica sentenza, la Corte Costituzionale ha dato ragione alla Regione Marche che con due delibere di Giunta aveva autorizzato gli agricoltori proprietari o conduttori dei fondi ad abbattere i cinghiali, con evidenti effetti anche sugli altri selvatici che diventeranno abbattibili dagli stessi agricoltori o selecontrollori.

È quanto annuncia Gennarino Masiello, vicepresidente nazionale di Coldiretti e presidente regionale, alla notizia della sentenza destinata a fare giurisprudenza anche rispetto al piano regionale di controllo dei cinghiali della Campania.

“Sulla fauna selvatica, visto il dilagare ormai senza controllo dei cinghiali – spiega Masiello – la Giunta regionale della Campania può adesso riaprire il confronto e aiutare agricoltori e allevatori a salvare campi, produzioni e allevamenti da una situazione diventata ormai insostenibile.

La possibilità che si apre con la sentenza della Corte Costituzionale è introdurre nel piano regionale l’autorizzazione per gli agricoltori ad intervenire direttamente sui propri fondi per difendersi dai cinghiali e dai selvatici. Il patrimonio agroalimentare e zootecnico, conservato con un impegno quotidiano per assicurare la salvaguardia delle colture agricole storiche, la tutela del territorio dal dissesto idrogeologico e il mantenimento delle tradizioni alimentari, sono un tesoro messo a rischio dall’avanzata dei cinghiali che sempre più spesso si spingono fin dentro i cortili e sugli usci delle case, scorrazzando per le vie dei paesi o sui campi, nelle stalle e nelle aziende agricole”.

Un’emergenza che spinge le aziende a lasciare i terreni incolti, stravolgendo l’assetto produttivo – afferma Coldiretti Campania – con il rischio che venga meno la presenza degli agricoltori, soprattutto nelle zone interne, e con essa quella costante opera di manutenzione che garantisce la tutela dal dissesto idrogeologico. Serve responsabilità nella difesa degli allevamenti, dei pastori e allevatori che con coraggio continuano a presidiare anche i territori più isolati e a garantire la bellezza del paesaggio e il futuro del Made in Italy agroalimentare.

La proliferazione senza freni dei cinghiali sta mettendo anche a rischio l’equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali. Studi ed esperienze relative all’elevata densità dei cinghiali in aree di elevato pregio naturalistico hanno mostrato notevoli criticità  – conclude Coldiretti Campania – in particolare per quanto riguarda il rapporto tra crescita della popolazione dei selvatici e vegetazione forestale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Ma perchè non li date a gente che non puo mangiare, o non arriva a fine mese? Sempre carne per la tavola è. com’è vitelli si, e chinghiali no? Sfamate chi ne ha bisogno. So pure buoni. Bacioni

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.