La Regione approva la variante per il tunnel in Costiera, insorgono i Cinque Stelle

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
«Con una votazione lampo, senza nemmeno un accenno di discussione, il Consiglio regionale della Campania ha approvato oggi la variante al Piano urbanistico territoriale che consentirà di sventrare la Costa amalfitana con una galleria tra Maiori e Minori.

È una decisione scellerata, che non tiene in alcun conto le esigenze di tutela dovute a un sito patrimonio Unesco e contro la quale ho già presentato un’interrogazione parlamentare». Lo dichiara la deputata Anna Bilotti (Movimento 5 Stelle) che su quello che non esita a definire “uno scempio” ha chiesto l’intervento dei Ministeri dell’Ambiente, dei Trasporti e di quello per i Beni culturali e il Turismo.

«Più che pensare di spendere 18 milioni di euro per 400 metri di tunnel, ci sarebbe piuttosto da approvare un piano di gestione del sito Unesco Costiera Amalfitana, come prevede la legge 77 del 2006» ricorda la parlamentare, che evidenzia inoltre come il progetto della galleria si fondi sull’ipotesi di un incremento del 40% del flusso dei veicoli nei prossimi vent’anni, in assoluta contraddizione con tutte le politiche di contenimento del traffico che ogni anno si rendono necessarie per tutelare un territorio fragile come quello della Costa d’Amalfi.

Per la deputata di M5S sono ben altri gli interventi che devono essere realizzati: «Dobbiamo lavorare su proposte di mobilità sostenibile che non consumino i territori, potenziare il trasporto pubblico via terra e via mare, pensare a una zona a traffico limitato territoriale e incentivare forme di trasporto ecosostenibili. Sono solo alcune delle idee che richiederebbero molto meno dei 18 milioni di euro che si vogliono spendere per un inutile buco nella montagna».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. che vergogna non sanno nemmeno cosa significa tutelare il territorio CONTINUATE A VOTARE GLI STESSI PERSONAGGI

  2. con le varianti al pr e le rimozioni dei vincoli ambientali il nostro celebre governatore ha cementificato la città cosegnandola alla peggiore speculazione edilizia . modello anni 60 nella indifferenza generale e con la connivenza della opposizione . e non parliamo dei verdi ……..

  3. Perché non pensare di potenziare il trasporto pubblico e quello via mare abbassarne i costi? Il traghetto era stato pensato per alleggerire il trasporto su gomma ma ora costa il triplo…

  4. Il partito del cemento e del movimento terra è vincente in Campania. Lo scriveva Saviano

  5. Dove sono i paladini di de luce e co?
    Non commentano? Gli è stato vietato rispondere alle domande scomode?
    Dopo l’eco-mostro chiamato crescent e l’inutile cittadella giudiziaria (per inciso una follia al centro della città) ecco altri soldi buttati per deturpare il territorio.
    Allo schifo non c’è mai peggio con questi omuncoli da quattro soldi.

  6. Sarei curioso di vedere come se la caverebbero tutti quelli che invocano il “potenziamento dei mezzi marittimi” a doversi spostare in pieno inverno come fanno decine di studenti liceali sulla ex Sita. Muoversi in costiera è impossibile: in inverno per il maltempo ed in estate per il turismo, è un posto isolato dal mondo.

    L’unica cosa negativa che ha questa galleria è la lunghezza assolutamente insufficiente: festeggerò il giorno in cui ci saranno amministratori con attributi sufficienti per rispolverare il vecchio progetto della galleria Cava-Maiori, pure insabbiato a botte di ambientalismo, che risolverebbe veramente il problema.

    Ai pseudo-ambientalisti che invocano ulteriori collegamenti marittimi dico di andarsi a leggere i rapporti sull’incremento di fauna marina dopo il Covid. In Cilento abbiamo VENTI nidificazioni di tartarughe ed a Bagnoli sono tornati i delfini. Questo per dire che un aliscafo che va avanti e indietro non è necessariamente più ecologico del trasporto su gomma.

    Una galleria tra Maiori e Minori, che eviti il budello a picco sul mare e fluidifichi il traffico, non può che far bene. Speriamo che non resti l’unico intervento.

    Darò credito a chi grida allo scempio quando li vedrò venire in inverno da Amalfi a Salerno in sella ad una bici oppure in groppa ad un mulo.

  7. Assurdo!!!!!La bellezza della Costiera in mano a scellerati affaristi!!!!Vergogna!!!!!!!!!!

  8. Invece di 400 metri dovrebbero fare un tunnel di un paio di chiklometri e collegare Vietri con Minori!

  9. vA FATTA UNA PRECISAZIONE PER METTERE IN SICUREZZA AMBIENTALE LA COSTIERA OCCORRONO CENTINAIA DI MILIONI, C’ERA UN PROGETTO DI UNA LINEA FERROVIARIA CHE PASSAVA ALL’INTERNO, TIPO CIRCUMVESUVIANA COME SORRENTO, MA LA TIPOLOGIA DEL TERRENO E I COSTI SONO PROIBITIVI. COME PROIBITIVI ED IMPOSSIBILI SONO I COSTI DI UNA GALLERIA TRA CAVA E MINORI, MI RENDO CONTO CHE D’INVERNO PER GLI STUDENTI E’ DURA, MA UN TUNNEL DI 400 METRI NON RISOLVE I PROBLEMI E DANNEGGIA L’AMBIENTE

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.