Vaccino anti coronavirus, l’annuncio: “In farmacia da gennaio”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Mancano cinque mesi e una manciata di giorni alla fine di questo difficile 2020. L’anno bisesto passerà alla storia per essere stato l’anno della pandemia di coronavirus, che ha fatto quasi 650mila vittime in tutto il mondo, costringendo il mondo al lockdown.

Il 2021, però, dovrebbe partire nel segno della speranza e della rinascita: a gennaio, infatti, arriverà il vaccino contro il Covid-19. A sostenerlo Piero Di Lorenzo, il presidente dell’Irbm di Pomezia, istituto di ricerca specializzato in scienza biomedica e chimica organica.

Intervistato da Libero, il numero uno della realtà scientifica ha dichiarato che la sperimentazione sul farmaco dovrebbe concludersi entro la fine di settembre. Insomma, due mesi e il cerchio dovrebbe chiudersi per dare il via libera al ciclo di produzione e, ovviamente, di commercializzazione su larga scala.

Bene, da gennaio, quindi, potremmo trovare il vaccino nelle nostre farmacie: “Le prime dosi in commercio ci saranno dall’inizio del prossimo anno; il ChAdOx1 è stato già sperimentato con successo su mille pazienti. Ora siamo alla fase tre, con il test su diecimila persone: se tutto andrà bene, è lecito prevedere che a fine settembre possa partire la produzione su larga scala”.

Già, in pochi mesi, infatti, saranno disponibili milioni di dosi e nell’arco di dodici mesi, grazie alla capacità produttiva e colossale del colosso AstraZeneca, il pianeta potrà essere immunizzato con due miliardi di dosi.

“Serve il via libera delle agenzie regolatorie, ma visto che siamo in presenza di una pandemia terribile, sono certo che taglieranno tutti i tempi burocratici e daranno l’autorizzazione nel tempo strettamente necessario per analizzare con la giusta severità i risultati scientifici”, precisa Di Lorenzo, spiegando quello che dovrebbe essere l’iter burocratico sul ChAdOx1, sperimentato dalla multinazionale britannica AstraZeneca insieme all’Oxford University e, appunto, l’Irbm di Pomezia.

Fonte: IlGiornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. che belloo! correte tuttiiiii! mi raccomandooo! tutti i mascheratiii, mi aspetto che se li facciano tutti e 150 i vaccini che stanno producendo, dopotutto voi mascherati mica siete scemi come quelli che chiamate novax? NO! e quindi correte a farveli tutti!

    Poi cercatevi il file “2019-2022_roadmap_en pdf” sul sito ufficiale europa eu e scoprirete che “l’europa” aveva “previsto” tante cose su pandemia e vaccino! quello è il programma per le vaccinazioni obbligatorie in europa guarda caso a partire dal 2019 e fino al 2022. Non posso mettere il link perchè piu volte me lo hanno cancellato, i democratici..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.