Volpi in Costiera: presidente Spezia seguirà dal suo yacht match dell’Arechi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa

Seguirà l’ultima gara di campionato del suo Spezia, di scena stasera allo stadio Arechi di Salerno, dalle acque della Costiera Amalfitana. Gabriele Volpi, presidente della compagine ligure che milita nel campionato di B, sta trascorrendo le sue vacanze a bordo del suo Boadicea, il megayacht di 76 metri, bandiera Cayman Island, dal valore di 48 milioni di euro, che in questi giorni ha dato fondo alle ancore nel mare della Divina Costa.

Il super ricco più sconosciuto d’Italia – come scrive Emilano Amato su IlVescovado -preferisce non recarsi allo stadio e seguire le sorti della sua squadra – certa di disputare i play-off promozione da posizione privilegiata – nella sua cabina armatoriale sull’upper deck con una spettacolare vista a 180 gradi, proiettata sullo schermo dell’area cinema con 14 posti, piscine e Spa.

Poi, se dovesse cambiare idea last minute, potrà tranquillamente fare rotta al Marina d’Arechi e dover soltanto attraversare la litoranea.

Il patron della Pro Recco Waterpolo, la Juventus della pallanuoto italiana che quest’anno ha conquistato il 33esimo scudetto della sua storia, sa bene che stasera la Salernitana venderà cara la pelle: gli uomini di Ventura dovranno vincere per avere accesso ai play-off dagli ultimi posti utili, mentre lo Spezia vorrà consolidare il terzo posto in classifica (il miglior piazzamento della sua storia) per evitare il primo turno dei play-off.

Volpi è un habituè della Costiera Amalfitana e fino a qualche anno fa possedeva una lussuosa villa con vista sul mare a Furore. Conserva forti legami di amicizia ad Amalfi con i fratelli Pisani del celebre ristorante Lido Azzurro dov’è stato avvistato proprio ieri sera.

Ma chi è Gabriele Volpi?

In sintesi è “il Roman Abramovic italiano”, così definito qualche anno fa dal settimanale economico “Il Mondo”. Come l’oligarca russo proprietario del Chelsea, anche lui deve il suo patrimonio all’oro nero. E malgrado il calo repentini del prezzo del petrolio non è che se la passi male. In Nigeria la sua azienda – l’Intels – ha praticamente il monopolio della logistica petrolifera, con un giro d’affari di quasi 1,5 miliardi di dollari all’anno.

Nel 2000 rileva la Pro Recco dove aveva giocato da ragazzo: in vent’anni ha vinto 15 campionati (14 di fila), 13 Coppe Italia (7 di fila), 6 Champions League, 6 Supercoppe LEN e 1 Lega Adriatica.

Nel 2008 diventa proprietario anche dello Spezia Calcio, che porta dalla Serie D alla Serie B, ripianando debiti per più di 40 milioni di euro.

Fino a qualche anno fa, Volpi in Italia veniva solo a spendere. In vacanze, immobili di lusso, o in squadre sportive. Diversi anni fa Volpi offrì 13 milioni di euro per l’acquisto dell’hotel Palumbo di Ravello, ma l’offerta non venne ritenuta congrua dalla proprietà (lo scorso anno è stato battuto all’asta fallimentare per poco più di 5 milioni).

Volpi è l’italiano più ricco d’Africa. O se si preferisce, essendo lui uno dei pochi europei ad avere ottenuto la cittadinanza locale, il nigeriano più facoltoso d’Italia. La sua attività in Nigeria inizia nella seconda metà degli anni 70. Poi, nel 1981 entra nel settore della logistica petrolifera.

Nell’intervista al settimanale economico Il Mondo, ha spiegato di essersi “adoperato” per avere concessioni per svolgere attività di supporto alle perforazioni petrolifere offshore (a 3mila metri dalla costa). E di averle ottenute. Da qui il successo della sua Intels, che «è decollata in virtù di quell’intuizione fortunata. Oltre che, ovviamente, della nostra capacità di svilupparla».

Insomma, intuizione, fortuna e capacità. Questi, a suo dire, i tre ingredienti del successo da lui ottenuto. Come nella più classica storia dell’uomo fattosi da sé.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Sceglieva la Salernitana?
    Stavamo in A da tanti anni con uno stadio con 40 mila persone …

  2. Volpi è responsabile di crimini contro l’umanità in Nigeria. Mi vergogno e mi schifo di averlo in Costiera.

  3. Ivano senza far polemiche, mi elenchi tre imprenditori di Salerno in grado di portare in serie A la Salernitana?? Io ne conosco solo 1 che potrebbe, ma non è per niente interessato. Tessuto imprenditoriale commerciale e industriale non ne vedo in città…. illuminami se qualcosa mi sfugge

  4. Un saluto agli amici di SALERNO. ULTRAS SPEZIA 1974 e CURVA FERROVIA. Ricordando con nostalgia le birrette bevute assieme, noi voi e i baresi. Che tempi. Speriamo di rivederci presto. Io sono quello che distribuiva gli adesivi. Per il prossimo anno, in bocca al lupo alla SALERNITANA.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.