“Improbabile seconda ondata”. L’immunologo Le Foche smonta lo stato di emergenza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
L’immuno-infettivologo Francesco Le Foche sembra escludere la possibilità di una seconda ondata di coronavirus, anche perché, ormai, abbiamo fatto una certa esperienza.

Seguendo le tre regole fondamentali possiamo cavarcela. Mascherina, lavaggio mani ed equilibrio nei comportamenti. Lo scrive IlGiornale.it

Le Foche, intervistato da Giancarlo Dotto ha affrontato diversi temi relativi alla pandemia che stiamo vivendo dallo scorso marzo. Da ormai cinque mesi la nostra vita è cambiata, in peggio, e la strada sembra ancora lunga e tortuosa. Dpcm dopo Dpcm ci troviamo ancora a utilizzare le mascherine in ambienti chiusi e, forse il lato peggiore, ancora in stato di emergenza. Il tutto “ha drasticamente ridotto le capacità cognitiviste delle persone”. Che, come spiegato da Le Foche, si trovano in una specie di limbo, con l’estate da una parte, che cerchiamo di vivere al meglio, e l’incubo dell’autunno dall’altra, che potrebbe arrivare insieme a una seconda ondata.

Stato di emergenza crea angoscia e danni economici
Per vivere meglio, secondo l’esperto, basterebbe prendere atto del coronavirus e adeguarci di conseguenza. Anche perché, di esperienza in proposito ce ne siamo fatta un bel po’. Il rischio è su due punti: “il primo è quello di una normalità politica che potrebbe appiattire la società. Il secondo è quello di una società che si adegua e riduce al minimo le reazioni e il confronto”.

La Foche non vuole entrare in beghe politiche ma non parlerebbe comunque più di emergenza. Si potrebbe affrontare diversamente il problema. Anche perché continuare in questo modo può solo generare angoscia e ulteriori gravi danni economici. Oltre a squilibri organizzativi nella gestione. “Inutile dire ai giovani non fate questo o quest’altro. Il proibizionismo non risolve, esaspera anzi la tentazione malsana. È mancata una spiegazione comprensibile, chiara ed empatica nei confronti dei giovani e delle persone più semplici. Una comunicazione che arrivi al cuore e che, ancora prima d’informare, dica: io sono con voi, sono dalla vostra parte”.

Per continuare a vivere, l’immunologo ha poi sottolineato che dobbiamo tornare indietro per riuscire ad andare avanti, facendo esperienza di quanto ci è capitato e rispettando l’ambiente. “La globalizzazione dei valori economici non basati sull’etica è l’antefatto della catastrofe. Sulla pandemia in corso, le autorità preposte hanno forse sbagliato l’interpretazione”.

Forse. Salvaguardare a oltranza la vita non deve però portarci a uccidere quella di tutti i giorni. Questo vuol dire, sempre secondo La Foche, accettare in modo ragionevole il rischio di convivere con il coronavirus. Il parallelismo con l’uso del Var in ambito calcistico poi calza a pennello: “Analogia perfetta. Il cristallizzarsi nel non fare equivale alla non vita, al non gioco”.

Il coronavirus ha una sola marcia
Sul fatto che il virus viaggi a due diverse velocità, l’esperto non è molto convinto. Anzi, la marcia è una sola, quello che cambia è il modo in cui lo si affronta. Il lockdown è servito proprio a questo. La strategia di Trump e Bolsonaro non è stata delle migliori, e si è visto. Stati Uniti e Brasile sono infatti ancora in piena emergenza. Più del caldo, sono i raggi ultravioletti a uccidere il coronavirus.

E l’Italia è tra i Paesi favoriti. Dove le ore di luce sono meno o viene filtrata dai monsoni, la situazione è peggiore. Dovremmo quindi iniziare a essere un po’ ottimisti, visto che gli strumenti per conviver con il Covid ci sono. Particolarmente interessante per La Foche sarebbe la terapia basata su anticorpi monoclonali. E, oltre a essere innocua, sembra anche molto efficace.

Si utilizza durante la fase critica e nel giro di poche ore uccide il virus. “Si lavora su circa cento anticorpi monoclonali, tre di questi hanno un idiotipo molto forte che aggredisce il virus. Sono anticorpi selezionati dalle persone che hanno avuto la malattia, si riproducono in laboratorio e restano in circolo per qualche mese” ha spiegato Le Foche. Una buona alternativa al vaccino che sarà forse pronto a fine anno ma difficilmente potrà essere disponibile prima della prossima estate.

Riapertura normale della scuola
Oltre a vaccino e terapia, non dimentichiamo che esiste anche l’immunità adattiva di specie. Ovvero, si parla di linfociti che aggrediscono il virus naturalmente. In Lombardia per esempio, questa potrà avere un ruolo fondamentale con l’attivarsi della memoria immunologica.

Assolutamente consigliato il vaccino antinfluenzale da fare all’inizio dell’autunno, in modo da riuscire a diagnosticare la malattia in breve tempo ed evitare anche di incorrere in due patologie diverse con rischi peggiori per la salute. Per quanto riguarda l’inizio dell’anno scolastico, l’infettivologo sarebbe più propenso a una riapertura quasi normale. I bambini difficilmente si ammalano. Evitare allarmismi e “per il primo mese prudenza nell’evitare il contatto diretto con i nonni che, in Italia, svolgono funzioni vitali con i nipoti, li intrattengono e li accompagnano a scuola”.

L’importante è riuscire a prevenire nuovi focolai, ancor più che trattarli. Fare particolare attenzione e individuare le realtà del Paese più fragili e anche regolamentando l’immigrazione. Stabilire quindi chi può entrare in Italia, chi deve osservare la quarantena e chi invece no.

E su una eventuale seconda ondata, La Foche la vede “improbabile. Abbiamo fatto una diagnosi corretta del virus, dopo le prime due settimane di incertezza. Sappiamo come e dove intervenire. Sappiamo, l’abbiamo già detto a marzo, che si tratta di rafforzare la medicina del territorio per evitare che si abbatta un’onda lunga in un contesto attualmente tranquillo”. La comunicazione comunque fin qui non ha aiutato. Né quella politica, né quella scientifica che ha creato solo confusione nella popolazione. Con esperti che a tutte le ore imperversavano in trasmissioni televisive e sui giornali, dicendo tutto e il contrario di tutto. E spesso attaccandosi tra di loro. Diventando anche poco credibili.

Le tre regoile da seguire
Adesso sono tre le regole da seguire. In primis l’uso delle mascherine in ambienti chiusi. In particolare deve essere indossata dai giovani che hanno un buon sistema immunitario ma rischiano di infettare gli altri.

E dovremo usarla fino a quando il virus non verrà definito una semplice sindrome influenzale. Lavarsi sempre le mani è la seconda regola ferrea. E la terza, “la più importante, l’equilibrio nei comportamenti. Senza eccessi di paura, ma senza nemmeno sciocche dimostrazioni di forza o presunzioni d’invulnerabilità”. Se ne usciremo migliori dipenderà solo da noi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Nemico di Salerno! Come si permette a dire questo? Forza sfigati, dategli addosso, altrimenti papino si arrabbia

  2. Importante come drive Le Foche e anche il tuo amico Zangrillo
    1) LA MASCHERINA
    2) lavati spesso le mani
    3) metti la testa un po’ al fresco nel tuo caso ti fa bene.

  3. invece 21:15 amico del trollo 21:32 quali argomenti hanno? quali fonti? risposta: quello che leggiamo nei loro commenti! quindi.. NULLA.
    Non capiscono che con questi metodi la seconda ondata puo arrivare sempre per il secoli a venire! il giocattolo è chiaro ormai, basta usare a piacere due test fasulli e farli secondo necessità e voilà il gioco è fatto.
    I coronavirus sono decine e decine con migliaia di mutazioni, ma i babbei di cui sopra non lo hanno ancora capito.

  4. Lui smentisce il virus ed il virus smentisce lui, in Francia Germania Spagna è già in corso la seconda ondata, semmai ci potrebbe essere una terza.

  5. Come quando conte disse il 27 febbraio che l’Italia era un paese sicuro e che si poteva fare turismo….la settimana dopo ha messo tutti ai domiciliari 🤣🤣🤣🤦🏻‍♂️🤦🏻‍♂️🤦🏻‍♂️

  6. L’immunologo Le Foche? Che coincidenza. …e mo chi lo dice alle foche canterine beote dei balconi e bella ciao?

  7. AnoniMo: “Seconda ondata” in Francia e Germania? Sì, ma non sta facendo male a nessuno. Nessuno crepa più. Quindi chissenefrega..

  8. Ragionare è semplice ….ora i contagi stanno aumentando in tutta Europa, adesso la carica virale è bassa, e ci sono pochi morti….ma se lascio che i contagi aumentano e malauguratamente la carica virale aumenta?
    In questi casi si ragiona con la diligenza del buon padre di famiglia, il Virus esiste,
    sta circolando, ha fatto migliaia di morti e io devo cercare di limitare i danni!
    Lasciate perdere chi vuol fare politica su un virus, solo perché contro De Luca.
    Parlano di dittatura?
    Ridicoli, l’Australia chiude Melbourne, Il Brasile accoglie turisti!
    Cari fascistelli, meglio una dittatura come in Australia che la libertà brasiliana.

  9. Come sempre la verità è precisamente nel punto dove i runner e i pini gini tini non andranno mai a vedere, cioè proprio sotto i loro occhi.

    “Adesso sono tre le regole da seguire. In primis l’uso delle mascherine in ambienti chiusi. In particolare deve essere indossata dai giovani che hanno un buon sistema immunitario ma rischiano di infettare gli altri.
    E dovremo usarla fino a quando il virus non verrà definito una semplice sindrome influenzale. Lavarsi sempre le mani è la seconda regola ferrea. E la terza, “la più importante, l’equilibrio nei comportamenti. Senza eccessi di paura, ma senza nemmeno sciocche dimostrazioni di forza o presunzioni d’invulnerabilità””

    Praticamente grazie ai runner e ai pini gini tini sono già belle e garantite le prossime dieci ondate.

  10. Fata Morgana, scommetto che ti sei laureata all’università della strada e che hai il tatuaggio tribale sul bacino, giusto?

  11. Certo che accusare gli altri di essere fascisti e augurarsi la dittatura è un cortocircuito logico niente male. Tipico dei sinistrati.

  12. fata morgana finiscila con le magie. I contagi non stanno per nulla aumentando! se da bravi babbei continuate a vedere la tv in modo acritico allora continuerete a pensare a una tragedia mai vista, ma se cercate i dati reali capirete che vi stanno beatamente prendendo in giro! non sta aumentando proprio niente, i casi sono normalissimi, pochissimi e soprattutto praticamente asintomatici per la quasi totalità.
    Non c’è nessuna emergenza in Brasile, USA, Romania, Svezia, Australia o addirittura Grecia come sbraitavano al tg oggi! In Grecia hanno 4600 “CASI” dall’inizio e 208 morti in tutto! ma di che parliamo?? (e sempre contando tutti come morti covid, come ormai quasi tutti abbiamo capito..)

    Comunque apprendiamo che FataMorgana ha scoperto il sapone! Brava, meglio tardi che mai, però sappi che noi lo usavamo da decenni! Le ondate? ci saranno per sempre, perchè è un gioco mediatico che finirà a comando non appena saranno venduti i vaccini e resi obbligatori, pure se al momento il vaccino della AstraZ. ha dato il 20% di GRAVI reazioni avverse, come LORO STESSI PUBBLICANO SUL SITO… vuol dire che in Italia potremmo avere almeno DODICI MILIONI di gravi reazioni avverse da necessitare intervento medico…
    E pensate che quelle cavie sono state scelte tra persone in perfetta salute, immaginate se erano come la media delle persone con vari piccoli o grandi acciacchi..
    Vergognatevi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.