In Italia solo il 42% delle spiagge è libero e balneabile: la denuncia del Codacons

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Con un’istanza alle prefetture di tutta Italia, il Codacons solleva la questione dell’accesso alla spiaggia e chiede ai Prefetti della penisola di garantire immediatamente, in favore della collettività, il diritto alla fruibilità delle spiagge libere su tutto il territorio italiano, anche attraverso “interventi correttivi e sanzionatori nel caso di inosservanza dei limiti già disposti dalla normativa nazionale, regionale e comunale tra le aree concesse a soggetti privati e gli arenili liberamente fruibili”.

L’Associazione, in caso di accertate violazioni, ha chiesto inoltre ai Prefetti di emettere ordinanza di ripristino dello stato dei luoghi e, in caso di ulteriore inosservanza, di trasmettere gli atti alla Procura della Repubblica territorialmente competente per abusiva occupazione di spazio demaniale e inosservanza di limiti alla proprietà privata.

Il problema sollevato dall’Associazione è vecchio di decenni, ma ciò nonostante – incredibilmente – non gli è mai stata data soluzione. Neanche in vista di questa estate, e nonostante la domanda di spiagge libere (complice la crisi economica) sia in rapida ascesa.

Anche quest’anno, insomma, trovare un posto libero dove prendere il sole liberamente e gratuitamente è difficilissimo: aumentano, infatti, le concessioni balneari, che a oggi interessano oltre il 50% delle spiagge italiane. Senza contare che l’8% delle coste non risultano balneabili, perché il mare è inquinato.

“Adesso basta: anche alla luce della difficoltà economica delle famiglie, bisogna garantire ai cittadini la possibilità di scegliere spiagge libere e gratuite”, dichiara il presidente Carlo Rienzi. “Bisogna intervenire con fermezza per risolvere tutte le situazioni illegali o abusive, ripristinando la funzione pubblica e sociale di quelle spiagge e quelle coste che oggi risultano inaccessibili e occupate”, conclude.

L’Associazione raccoglie le segnalazioni dei cittadini al numero 89349955 sulle spiagge chiuse o inaccessibili.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Vogliamo parlare dell ordinanza per le spiaggie libere e immense di eboli e battipaglia, in pratica ti indirizzano su una spiaggia libera dove sono tutti assembrati, oppure devi per forza pagare un lido al prezzo di 30€…..è una vergogna

  2. Le spiagge libere a Salerno sono occupate per la maggior parte dagli affitta ombrelloni che occupano buona parte della spiaggia già dal primo mattino anche se chi affitta l’ombrellone non è ancora arrivato.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.