Covid, bimba di 5 anni intubata a Padova. «Grave sindrome a sangue e reni»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
È intubata in gravissime condizioni nella terapia intensiva dell’ospedale universitario di Padova una bambina di 5 anni risultata positiva al tampone da Sars-Cov-2. La notizia è stata confermata questa mattina da fonti dell’Azienda ospedaliera. È la prima paziente di questa età ricoverata in terapia intensiva a Padova.

La bimba, accolta in un primo momento dal pronto soccorso pediatrico, è stata trasferita nella Terapia intensiva diretta dal dottor Tiberio Ivo, dove, al momento, sono ricoverati altri 3 pazienti affetti dal virus (uno in fase di dimissione).

La sindrome

La piccola, secondo le informazioni raccolte dal Corriere, non soffriva di patologie pregresse, nè sarebbe nemmeno rientrata dall’estero negli ultimi giorni. Ad allarmare i medici, tuttavia, c’è una circostanza che in queste ore è in fase di studio: quando si è presentata in pronto soccorso, con grave sofferenza respiratoria, alla paziente è stata riscontrata anche una sindrome emolitico-uremica (una forma di patologia a carico di sangue e reni, che di solito è associata a infezioni gastrointestinali).

Quello che i medici vogliono capire è se la sindrome sia stata scatenata dal Covid (come sembra accadere per la sindrome di Kawasaki) — il che rappresenterebbe un primo caso mondiale — oppure da altro tipo di patogeni.

I numeri

In Italia, secondo il report del 14 agosto dell’Istituto superiore di Sanità, ad oggi sono 2784 i casi di positività che hanno riguardato dall’inizio dell’emergenza pazienti minori di 9 anni. I morti sono stati 4.

Fonte: corriere.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. Auguri di pronta guarigione alla piccola. Articolo di pura propaganda elettorale. Ora tutti i lobotomizzati si sentiranno in diritto di dare lezioni di vita sperando qualche chiusura per rimanere a casa a ribusciare. Una terapia intensiva non fa un’emergenza. Quando, e se, superemo le 4000, allora potete lamentarvi. Prima zitti e muti

  2. Praticamente solo se arrivano 4000 persone in TI, allora bisogna parlare di emergenza?
    Perché il moderatore non segnala al sindaco l’IP di questo imbecille per valutare un TSO?

  3. Caro Runner,
    Occupare 4000 posti in TI su 5800 c.a. in tutta Italia significherebbe essere alle prese con una pandemia di peste nera o di Ebola, praticamente sarebbe il collasso della sanità nazionale.
    Una situazione del genere non permetterebbe di ricoverare altri ammalati, sofferenti di altri casi clinici gravi o vittime di incidenti.
    A marzo, nel momento di massima diffusione del Covid, un virus che ancora oggi si spaccia per “banale raffreddore”, sono stati occupati oltre 1000 posti in T.I.
    Di Morti il Covid ne fece 35.000.

    Rivedi i tuoi numeri e fai le debite proporzioni.

  4. CTSS perchè non segnali tutti i terroristi che scrivono articoli sul nulla e su epidemie di asintomatici fatte passare per ebola?? Pure un demente capisce che su 60 milioni di abitanti un caso di TI non puo essere un’epidemia.. Complimenti per il nazismo che è in te ben radicato.

  5. CTSS perchè non ti informi su che aveva la bambina? quali vaccinazioni ha fatto? da quanto tempo? purtroppo da sempre anche i bambini possono morire e muoiono, ma non per questo è sempre stata colpa di un presunto covid. Infatti già si legge che aveva problemi a carico di reni, sindrome emolitico-uremica, infezione gastrointestinale..
    Golem, informati tu.. a Marzo quelli spacciati per morti covid erano morti per trattamenti sbagliati, venivano intubati mentre avevano problemi di trombosi, l’ossigeno in moltissimi casi fu proprio la causa delle morti. E guarda caso il governo si affrettò a vietare le autopsie, a ordinare le cremazioni e pure a scrivere una legge che scaricasse qualunque medico e funzionario da responsabilità per morti in quel periodo!… pensaci, prima di scrivere le solite sciocchezze. Il fatto che fosse una normale influenza o molto meno è provato dalla situazione atttuale: chi è positivo viene semplicemente …. lasciato a curarsi da solo a casa, pure senza alcun farmaco! e poi con i tantissimi farmaci che ormai ci sono e funzionano benissimo..

  6. Alla fine dei dementi no Vax arriveranno a sentenziare che il riscaldamento globale dipende dai vaccini!
    Siete inqualificabili, il vostro cervello rimarrà ristretto fin che morte non vi separi!
    Mio padre ha una disabilità dovuta alla poliomielite, bastava 2 anni dopo(vaccino
    antipolio) e sarebbe stato uno sportivo ….cosa che purtroppo gli è stato negato!
    Questa è storia, e realtà!

  7. x il demente 22 e 05, invece mio cugino ha la polio a causa del vaccino.
    Questa è storia, e realtà! Complimenti per i ragionamenti scientifici burioniani, non fanno una piega. Hai dimenticato che i vaccini sono sicuri perchè la cintura di sicurezza salva la vita! E parli di cervello ristretto?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.