Venerdì 21 agosto alle ore 19 verrà celebrata l’alzata del Panno di San Matteo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Venerdì 21 agosto alle ore 19 verrà celebrata l’alzata del Panno di San Matteo nell’atrio del Duomo di Salerno alla presenza dell’Arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno, Monsignor Andrea Bellandi e del parroco della Cattedrale, don Michele Pecoraro.

In questa solenne cerimonia, che ogni anno si ripete in Cattedrale, verrà issato l’antico Panno di San Matteo restaurato grazie all’intervento dell’INNER WHEEL C.A.R.F. presieduto da Milly Marino e dalla Fondazione Comunità Salernitana.

Il restauro è stato affidato alla ditta Vassallo Antiques, centro restauri di Montecorvino Rovella specializzata in questo settore da quattro generazioni.

“L’Inner – sottolinea la past president Diana Sardone Di Lorenzo – è da sempre sensibile alla realizzazione del restauro di opere significative per la nostra città, in particolare mi preme sottolineare la valenza simbolica oltre che sacra del Panno di S. Matteo, simbolo autentico dell’identità salernitana”.

“Il restauro del patrimonio storico-artistico
– spiega la presidente della Fondazione Comunità Salernitana, Antonia Autuori –
è una delle finalità della Fondazione della Comunità Salernitana e negli anni si è consolidata la collaborazione con l’Inner Wheel che propone sempre interventi interessantissimi sia per la valenza artistica che culturale.  A questo riguardo è importante ricordare il protocollo di intesa fatto con la Soprintendenza proprio allo scopo di organizzare specifiche iniziative di raccolta fondi. L’intento della nostra Fondazione, infatti, è di recepire le esigenze e le proposte che vengono dal territorio come nel caso del Panno di San Matteo e sostenerle sia con risorse proprie che attivando campagne di raccolte fondi. È naturalmente fondamentale l’impegno dei promotori dell’iniziativa”.

L’intervento di restauro  ha ridato luce al dipinto sul retro raffigurante Sant’Anna, San Giacchino, e la Vergine bambina  (completamente occultata  da una toppa di tela, così come la scritta con la data), e ridato una lettura più  chiara alla figura di San Matteo sul davanti, essendo in alcune zone ridipinto. Tutte le lavorazioni sono state eseguite sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza di Salerno e Avellino.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.