Alberi divelti e “fiumi” di grandine in città: nel Veneto si contano i danni del nubifragio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Strade come “fiumi” di grandine a Verona, e oltre 500 alberi abbattuti dalla forza del vento, secondo il primo conteggio del fortissimo nubifragio che nel pomeriggio di ieri ha interessato parte del Veneto e in particolar modo la città di Verona e la sua provincia. Danni per il forte nubifragio anche nelle province di Vicenza e Padova.

Oltre 400 le richieste di soccorso pervenute presso le tre sale operative dei Vigili del Fuoco. A Verona risultano eseguiti 174 interventi di soccorso per allagamenti, rimozione elementi piante, rami ed elementi pericolanti. Rimangono da evadere 65 interventi. A Vicenza si contano invece 110 richieste di soccorso evase per i danni del forte nubifragio. A Padova infine i vigili del fuoco sono già intervenuti per 105 richieste di soccorso.

“Su Verona in dieci minuti si è abbattuto qualcosa come l’equivalente della tempesta Vaia” ha scritto il sindaco della città Federico Sboarina in un post su Facebook, in cui ha pubblicato foto della tempesta, con alberi caduti, strade ricoperte di grandine, auto rovesciate. “Mai vista una furia del genere”, continua il sindaco, descrivendo: “Vento, acqua e grandine di proporzioni straordinarie hanno ridotto la città come un campo di battaglia. Tantissimi danni pubblici e privati”.

Oggi il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha telefonato a Sboarina “per avere aggiornamenti”, riferisce il sindaco nel corso del punto stampa nel municipio scaligero con il governatore del Veneto Luca Zaia “e mi ha dato tutta la vicinanza ai veronesi e alla città così duramente colpita”. Zaia: Governo faccia una decretazione d’urgenza “Io dico che qui non ce la caviamo con poco. Verona è messa in ginocchio così come molte altre zone del Veneto.

I danni sono ingenti, non tutta la città è stata colpita ma le zone interessate sono devastate, sono in ginocchio. È una tragedia paragonabile anche, se su diversa scala, al disastro dell’alluvione del 2010, alla tempesta Vaia, alla tromba d’aria della Riviera del Brenta”. Lo ha detto, in una conferenza stampa tenuta in Comune a Verona dopo un sopralluogo, il governatore del Veneto Luca Zaia, che ieri ha firmato la dichiarazione dello stato di crisi per il Comune di Verona e altri comuni del Veronese.

“I veronesi hanno dimostrato di prendere di petto questa situazione e si sono rimboccati le maniche e hanno cominciato subito a pulire. Ho visto gente in lacrime. – continua Zaia – Spero che il Governo dichiari lo stato di emergenza e faccia un provvedimento urgente in Consiglio dei Ministri”. –

Fonte RaiNews.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.