Il Reddito cittadinanza è per sempre per chi non ha un lavoro: lo dice il Ministero

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
“A conclusione del diciottesimo mese di percezione del Reddito di cittadinanza un beneficiario, se ricorrono ancora le condizioni di bisogno, può richiedere un rinnovo della misura decorso un mese dall’ultimo versamento. Quest’ulteriore ciclo di Rdc durerà sempre fino a quando il beneficiario non troverà un lavoro che gli permetterà di uscire dalla sua situazione di povertà, fermo restando il limite dei 18 mesi”. E’ questa la risposta del ministero del Lavoro alla nostra domanda: fino a quando si può usufruire del Reddito di cittadinanza? Lo scrive Affaritaliani.it

I milioni di italiani che per primi hanno chiesto allo Stato di usufruire del Reddito di cittadinanza sono arrivati al traguardo, settembre prossimo sarà il loro diciottesimo mese di sussidio a partire dalla prima erogazione concreta, maggio 2019. Ma non pochi lettori che ne hanno usufruito pongono oggi la domanda fatidica: “Se non ho trovato lavoro posso rifare domanda? E se sì, fino a quando?”.

Ma non è l’unico quesito. Molti di quelli sollevati sull’utilizzo della Carta dedicata (la card del Rdc) restano senza risposta, causa anche la novità assoluta di un meccanismo di sussidio nuovo per il modello italiano e un regolamento di adozione per le erogazioni che non sembra prevedere errori umani.

A distanza di mesi restano molti i dubbi. Nel tempo sono nati in rete e su Facebook gruppi di fruitori della Carta che si fanno le domande più improbabili, se alcune spese possano essere intraprese o meno o come si possa riparare ad un errore. In ogni caso non vi è un referente specifico a cui rivolgersi una volta insorto un problema imprevisto, di qualsiasi natura o un accadimento che la regolamentazione non ipotizza. I numeri verdi dedicati rispondono con voci preregistrate e nel caso si riesca a parlare con un operatore la risposta tipo è: “Siamo del call center, non sappiamo rispondere a domande così specifiche, chieda all’Inps!”.

Se si rivolgono le domande all’Inps, l’Ente di erogazione e controllo, i responsabili che si occupano di interfacciarsi con gli utenti reagiscono riportando il regolamento, molte volte non rispondendo di fatto ai quesiti. Lo stesso accade se delle questioni vengono sollevate a Poste Italiane, la società è indirettamente coinvolta (la somma dovuta sulla Carta del Reddito di Cittadinanza è erogata su una carta Postepay emessa dal gruppo Poste italiane e da Poste si possono pagare la rata dell’affitto di casa e il mutuo).

Fonte Affaritaliani.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. il reddito di cittadinanza porterà un danno enorme al nostro paese che i nostri figli e nipoti pagheranno per decenni. L’ignoranza di chi lo ha proposto è tale che si vantano di questo disastro.
    oggi votare 5 stelle o salvini significa portare il paese nell’incertezza e nella totale recessione, non possiamo dare il paese a ignoranti ed arroganti personaggi

  2. in italia il bisogno si avra’ sempre e mi conviene avere il reddito di cittadinanza e lavorare al nero,in altre nazioni il reddito di cittadinanza te lo danno ma dopo massimo due mesi vai al lavoro e se rinunci te lo tolgono,c’era bisogno di lavorare nei campi di lavoro di raccolta,perche’ non sono stati avviati al lavoro? abbiamo i navigator altri parassiti stipendiati senza fare niente,ma quanto puo durare questa italia?

  3. 07:11 piu arroganti del pd che ha tre facce, una ideologica una pubblica e una nascosta in interessi internazionali finanziari?!

  4. Scusate ,mi rivolgo a chi critica il rdc ma dove sono queste famose 3 proposte di lavoro che non si dovevano assolutamente rifiutare per quello che mi risulta finora nessuno dei percettori hanno ricevuto lo straccio di un solo lavoro congruo .dopo se mi dite che si deve lavorare alla stregua di uno schiavo……!

  5. allora perchi ce la col rdc che dicono che pagheranno i figli i nipoti sono deficenti e spara minghiate vuoldire che stanno bene e sono invidiosi lunica cosa che il reddito dovevono darlo alle aziende e impore alle aziende ad assumere con sgravi fiscali

  6. Vuol dire che chi non ha mai lavorato continuerà a campare alle spalle degli altri perché non c’è la volontà di metterlo in condizioni di guadagnarsi da vivere .

  7. il reddito di cittadinanza insieme a quota 100 sono le due leggi approvate da 5 stelle e salvini che in 2 anni hanno fatto spendere al popolo italiano miliardi di euro sottratti alla scuola e sanità.
    votare ancora questi inetti ed arroganti personaggi significa avallare le loro scelte sciagurate.
    non vi è un serio economista in italia e all’estero che sia stato favorevole a tali leggi.
    gli italiani non hanno bisogno di elemosina, ma di lavoro; questi miliardi se fossero stati immessi nel sistema produttivo avrebbero fruttato migliaia di posti di lavoro. Ora qualche fannullone onorevole propone ancora di allungare il provvedimenti nel tempo, procureranno una catastrofe più grave del corona virus. apriamo gli occhi cerchiamo col voto di punire queste due forze politiche

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.