Scuola è scontro su ripartenza tra il “partito” del 14 e quello del 24 settembre

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Il ritorno in classe potrebbe produrre “un lieve incremento dell’indice di trasmissione del contagio: ce lo aspettiamo” ciononostante è assoluta “la necessità di riaprire la scuola”. Ma è sulla data di riapertura, ribadita dalla ministra Azzolina per il prossimo 14 settembre, che infuria la polemica: alcuni governatori vorrebbero spostarla almeno al 24, mentre Vincenzo De Luca dichiara che si riserva di decidere tra una settimana perché “nelle attuali condizioni non è possibile farlo”.

Intanto, però, la Conferenza delle Regioni ha dato il via libera al documento con le “Indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia” che prevede, in sintesi, come ogni scuola definisca come attivare la didattica a distanza (per classe o per struttura), in caso di contagi. In Conferenza Unificata ci sarà il via libera definitivo.

Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato tecnico scientifico, è stato ascoltato per quasi tre ore dalla Commissione Istruzione della Camera ed ha chiarito che tutti gli studenti dovranno indossare la mascherina sui mezzi pubblici e che una volta in classe per i bambini dai 0 ai 6 anni non ci sarà necessità di portarla, mentre dovranno indossarla gli educatori della scuola dell’infanzia. Nelle classi della primaria, se c’è il distanziamento superiore al metro tra le sedute, si può toglierla, così come la si può levare nel momento del pranzo e quando si fa attività sportiva. Dalle medie in poi c’è obbligo di indossarla se non c’è adeguato distanziamento. Miozzo ha precisato che per gli alunni vanno benissimo anche quelle di stoffa. Sui termoscanner negli edifici scolastici, poi, ha rilevato che ci sono difficoltà: per individuare la temperatura corporea di ogni persona c’è bisogno di 83 secondi che moltiplicati per centinaia di studenti a istituto finirebbero con il bloccare l’ingresso a scuola.

Oltre alle mascherine l’altro fronte critico è quello dei trasporti, dove nelle ore di punta, il 25-35% degli studenti rischia di rimanere a piedi. Il Cts raccomanda sugli scuolabus una capienza al massimo solo per 15 minuti mentre si potrebbe arrivare (si deciderà tra lunedì e martedì sempre nell’ambito della conferenza Stato-Regioni) ad un tasso di riempimento dei mezzi dell’80 per cento.

La ministra Azzolina dal canto suo ha firmato il nuovo decreto per le assunzioni del personale scolastico per l’emergenza, circa 70 mila tra docenti e personale ATA, mentre il ministro dell’Economia Gualtieri ha firmato quello per l’assunzione a tempo indeterminato di 84.808 docenti. Ma nelle graduatorie a esaurimento di diverse province molte classi di concorso sono esaurite e lo sono pure le graduatorie di merito. Azzolina spera che alcuni posti vengano assegnati tramite “call veloce” ma il vincolo di permanenza dei 5 anni nella stessa sede pesa non poco.

Secondo le previsioni più pessimistiche, dunque, si apre un anno scolastico con lo spettro di 250 mila-300 mila supplenti, mentre aumentando in questi giorni il numero dei contagi, ci sono docenti “fragili” affetti da patologie pregresse che stanno chiedendo di restare a casa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. non è un problema di 14 giorni, si possono recuperare, qui non si sa se funzioneranno i trasporti e come, se i famosi banchi monoposto arrivano , e quando… insomma tutta una serie di problemi, quello che fa rabbia che il tempo per adeguarsi c’era 6 mesi, e ci si riduce, come sempre, agli ultimi momenti mah…..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.