La prossima Serie B tra nobili decadute e realtà emergenti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Fra meno di un mese si comincia. Sabato 26 settembre, torna in campo la serie B, che ha appena definito l’organico per la stagione 2020-2021.

È presto per tracciare un quadro preciso delle potenzialità delle venti squadre in campo, visto che la campagna trasferimenti si chiuderà soltanto il 5 ottobre ma le prospettive lasciano presupporre che sarà un torneo molto difficile e di alta qualità: delle compagini partecipanti al via, soltanto cinque (Cittadella, Cosenza, Entella, Monza e Pordenone) non sono mai state in A.

Le tre retrocesse (Brescia, Lecce e Spal) hanno tradizione, forza societaria e determinazione per puntare a un immediato riscatto. C’è poi chi ha mancato la promozione ai playoff e intende riprovarci: se il Cittadella resta una bella realtà, ma con sbalzi di umore inquietanti, Empoli e Chievo hanno tutto per puntare al massimo obiettivo. Come il Frosinone, che ha perso la A in finale e soltanto per il peggior piazzamento nella stagione regolare.

C’è poi da mettere in conto, secondo tradizione, il fattore sorpresa, perché da sempre emerge una squadra che arriva fino in fondo, dopo la partenza a fari spenti. Nell’ultimo campionato, lo Spezia in A ha sorpreso tutti, sebbene nessuno dubitasse della qualità della rosa, ma la vera sorpresa è stato il Pordenone, che, reduce dalla promozione dalla C, è andata vicino al doppio salto in avanti.

In questo senso, sarà da seguire con attenzione il Vicenza, tornato in B, dopo lunghi tormenti societari: il piano prevede l’atterraggio nella massima serie in quattro anni, ma si sa che un conto sono le parole, un altro i fatti e se c’è la possibilità di accelerare, nessuno si tira indietro.

È un torneo a trazione centrosettentrionale, con soltanto quattro squadre del Sud (Cosenza, Lecce, Reggina e Salernitana) e senza Var. Lo stop dell’ultimo campionato, causa Covid-19, ha reso impossibile la preparazione degli arbitri per la video-assistenza, che era prevista già nella stagione regolare. Tutto rinviato, come quest’anno, ai playoff.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.