Bimba ingerisce pedina degli scacchi e finisce in ospedale: paura a Battipaglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Solo tanto spavento, fortunatamente, ieri a Battipaglia, dove una una bimba ha ingerito una pedina della scacchiera. La piccola – come riporta il sito web radioalfa.it – ha iniziato a sentirsi male. I genitori, ignari di quanto accaduto, l’hanno accompagnata in ospedale dove è stata sottoposta a tac, a broncoscopia ed endoscopia. Al nosocomio i medici hanno accertato la presenza del corpo estraneo: appunto un pedone. Sono riusciti ad aspirare hanno l’oggetto e la bimba sta bene.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Non esiste la pedina degli scacchi. Esistono il pedone degli scacchi e la pedina della dama

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.