Neonato morto, Griffini (Ai.Bi.): “Governo promuova in TV parto in anonimato”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Un neonato morto, gettato in un’aiuola. Questa è la drammatica scoperta fatta ieri, mercoledì 2 settembre, a Roccapiemonte, in provincia di Salerno. Il corpicino senza vita è stato notato alle 19 in un’aiuola di via Roma da un residente, che si stava recando al parcheggio per prendere la propria auto e che ha subito avvisato i carabinieri, intervenuti sul posto con gli agenti della Polizia municipale e il medico legale Nel corso delle analisi è stata rinvenuta una ferita sulla testa del bambino, il cui corpo, che presentava ancora il cordone ombelicale attaccato, è stato trasferito all’obitorio dell’ospedale di Nocera Inferiore per un’autopsia.

L’ipotesi è che il piccolo fosse nato da poche ore quando è stato ucciso, anche se resta da capire se la ferita sia stata precedente o successiva all’abbandono. Nel frattempo due persone, marito e moglie di 47 e 42 anni rispettivamente, sono state fermate nel corso della notte dai carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino e del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Salerno.

I militari, sotto il coordinamento del sostituto procuratore Roberto Lenza, sono al lavoro per ricostruire la dinamica della tragedia. Una tragedia “immane che ha scosso la nostra comunità”, secondo il sindaco di Roccapiemonte.

“Davvero si tratta di un fatto sconvolgente – è il commento del presidente di Ai.Bi. – Amici dei Bambini, Marco Griffini – La morte o l’uccisione di un neonato è una tragedia che toglie il sonno. In casi come questi ci si domanda che cosa si sarebbe potuto fare.

In realtà in Italia esistono possibilità diverse per chi non fosse in grado di occuparsi del proprio figlio: dal parto in anonimato, previsto dal Decreto del Presidente della Repubblica numero 36 del 2000, che alla madre di non riconoscere il bambino e di lasciarlo nell’Ospedale dove è nato affinché sia assicurata l’assistenza e anche la sua tutela giuridica, alle Culle per la vita. Recentemente una di queste ha salvato la vita di un bimbo di Bari, il piccolo ‘Luigi’, la cui storia ha commosso l’Italia. Ce ne sono circa sessanta su tutto il territorio nazionale, in Campania, dove è avvenuta questa tragedia, sono due.

Che cosa bisogna fare allora? Innanzitutto bisogna investire il prima possibile sulle culle per la vita e su una comunicazione efficace e multilingue dell’esistenza della legge sul parto in anonimato. Bisogna promuovere queste realtà, farle conoscere. In televisione passano pubblicità istituzionali di ogni tipo, ma nessuna inerente la salvaguardia della vita dei neonati. Eppure in Italia ogni anno sono circa 400 quelli che vengono salvati grazie a queste due opportunità. Bambini che, probabilmente, avrebbero fatto una brutta fine”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. che cambia ononimato o meno si verrebbe sempre a sapere. Piuttosto di dire fesserie, promuovete la cultura della vita che purtroppo in questa società di merd si sta sempre più svilendo a favore degli egoismi personali

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.