Coronavirus, Conte: “Non ci sarà più un lockdown totale in Italia”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
Non ci troveremo più ad affrontare un lockdown generalizzato”. Lo ha detto Giuseppe Conte a Cernobbio al Forum Ambrosetti. “I numeri continuano ad essere non trascurabili ma non siamo più davanti all’esplosione della pandemia. Ci siamo strutturati con un sistema di monitoraggio che ci permetterà di intervenire in modo mirato e circoscritto”, ha aggiunto. Conte ha poi sottolineato che “gli italiani sono stati bravi a rispettare le regole”.

Contagi? Dovuti a “distrazioni agostane” – Commentando i dati relativi ai nuovi casi di coronavirus, il premier ha osservato come “i contagi che stiamo contando in questi giorni” siano il frutto delle “distrazioni agostane. Ma l’Italia ancora una volta dimostra di essere stata abbastanza responsabile perché il numero dei contagi rispetto ad altri paesi limitrofi è nettamente inferiore”, ha detto.

Incertezza economica e la sfida della crescita  – Osservando il quadro economico provocato dalla pandemia, Conte ha spiegato che “la vera sfida che ci attende è quella di affrontare i nodi strutturali che hanno impedito all’Italia di crescere. La congiuntura economica continua a presentare un quadro estremamente complesso e gli esperti sottolineano come sia caratterizzata da fattori di persistente incertezza. Nessuno può dire oggi quando usciremo da questo quadro negativo economico. Ma la sfida è vincere i nodi strutturali, non tornare come prima della crisi”, ha ammesso.

Come usare il Recovery Fund – Secondo Giuseppe Conte il governo ha “le idee molto chiare” su come utilizzare i fondi del Recovery Fund. “Non chiediamo soldi europei per abbassare le tasse ma per realizzare progetti di ripresa e rilancio del Paese che rimangano in eredità alle generazioni future”, ha detto il premier. “Oltre il 35% delle risorse disponibili sarà allocato per supportare progetti green”, ha spiegato Conte.

Emergenza non solo sanitaria – Non meno che dall’emergenza sanitaria, Conte ha ammesso di essere stato preoccupato per quella sociale ed economica. “Se proprio devo dirla tutta a parte l’emergenza sanitaria che si è subito rivelata, a me ha preoccupato molto quella economica e la tenuta sociale del sistema, non sapevamo in termini di ordine pubblico cosa sarebbe successo”. Secondo il premier “è stata la sfida più pesante dal dopoguerra a oggi, ma anche una sfida che ha sollecitato complesse risposte del nostro sistema. La tenuta dell’ordine pubblica è stata un’incognita che ha sempre pesato anche nelle nostre valutazioni perché in un sistema democratico imporre misure restrittive in lockdown significa esporsi a uno spazio di incognite”, ha detto.

“Risposta di politica fiscale all’altezza” – Conte ha parlato anche delle azioni del governo di fronte alla pandemia e alla crisi che essa ha generato. “Abbiamo anche predisposto una risposta di politica fiscale a sostegno della economia all’altezza della sfida. Abbiamo agito su molti fronti con risorse cospicue per proteggere l’economia e la società. Abbiamo ritenuto che progettare un qualsiasi rilancio sarebbe stato impossibile senza misure di sostegno adeguate e proporzionate”, ha detto.

La richiesta alle imprese – “Con le nostre norme abbiamo chiesto alle imprese il mantenimento del livello occupazionale per tutto il tempo in cui ci sono sussidi pubblici. Dopo di che servono interventi strutturale, penso alla riforma degli ammortizzatori sociali”, ha sottolineato Conte in merito alle misure economiche.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. fonti spagnole e tedesche parlano di inasprimento della dittatura, sempre con la scusa del virus, a partire dal 18 settembre in spagna e in tutta europa entro fine mese. Questi articoli sono del 13-15 agosto. Non so se e quanto siano attendibili, i segnali ci sono tutti ma non posso in alcun modo verificare la cosa (come nessuno, dopotutto!). La metto qui, se fosse falsa, meglio per tutti e felice di essere smentito! (anche se non sto affermando nulla, solo riporto) ma se fosse vera..
    Inoltre si parla di Draghi che seguirebbe Conte, a seguito di disordini e tumulti derivati da nuove chiusure e vaccinazioni forzate..
    Quindi il programma ipotetico sarebbe, alzare la tensione con finti malati (cd.positivi covid), chiudere tutto, rinviare elezioni o aspettare che conte “perda” il 20 settembre, poi chiusure sempre piu forti fino a quelle totali come marzo, militari in giro a reprimere qualunque dissidente, vaccinazione forzata e nuovo governo draghi che completerà il programma di distruzione dello Stato italiano e il governo unico mondiale che J.Attali ha descritto ormai dal 2009, come pure l’On.Fiano del PD qualche mese fa e Mons.Viganò, oltre a tanti altri..

    TUTTE IPOTESI, SIA CHIARO! E spero che siano tutte sbagliate! intanto le scrivo, a futura memoria

  2. Partendo dal fatto che non crederei mai alle sue parole perché incoerente, dice così perché non ci sono soldi da dare a chi non uo andare a lavoro. Del resto sappiamo la “posizione” assunta nei confronti delle banche (magari ricevendo pressioni dai banchieri europei, quindi non tutelando nessuno)….. ma come è bella questa Europa.

  3. Gino mi stai facendo paura…io sono abituato al lockdown…però nel bagno come dice mia madre….testicolina ma la adoro. Sto tornando da Roma . I negazionisti hanno rinnegato tre volte…i soliti vigliacchi. Giuda

  4. Da fonti informate pare che Bill Gates, con la complicità del Grande Puffo, sia dietro a quest’orribile complotto.

  5. Abbiamo fatto il lockdown al Sud quando non serviva, figurati se ci indigniamo a farlo di nuovo, Che ebeti che siamo!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.